Arrestato caporal maggiore di Foggia: 39enne adescava minori su internet

Lavora presso il XXI reggimento artiglieria 'Trieste' dell'esercito. Avrebbe ricattato quattro ragazzini di Roma, Ascoli, Brescia e La Spezia

Polizia Postale

Adescava minori su internet, chiedendo foto e filmati pornografici in cambio di ricariche in denaro per un gioco di guerra online a pagamento, chiamato '4story': questo il modus operandi di un caporalmaggiore dell'Esercito di Foggia. R.S, 39 anni, in servizio al XXI reggimento artiglieria 'Trieste' di Foggia, arrestato dalla polizia postale della Spezia per scambio di materiale pedopornografico e violenza sessuale.

L'uomo avrebbe adescato quattro giovanissimi in tutta Italia: un 13enne di Roma, un 14enne di Ascoli, un 16enne di Brescia e un 14enne di La Spezia: proprio da quest'ultimo sarebbe partita l'indagine coordinata dalla Dia di Genova. Il giovane spezzino avrebbe confidato tutto alla sorella che si è rivolta alle forze dell'ordine. La polizia postale durante l'arresto ha sequestrato anche un computer contenente materiale pedopornografico.

Tutto è cominciato nel novembre scorso, quando lo studente spezzino è stato contattato via webcam dal caporalmaggiore che gli ha offerto 600 euro per proseguire nel gioco online di simulazione della guerra. In cambio, il militare ha chiesto al giovane di inviargli filmati sulle sue parti intime e atti di masturbazione, che poi registrava e archiviava. Quando i ragazzi si rifiutavano di inviare foto, venivano immediatamente ricattati con la minaccia che le foto e i filmati sarebbero stati pubblicati online. L'uomo si trova nel carcere civile di Foggia.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (16)

  • Vogliamo giustizie,vogliamo che sia licenziato lo statale di m....,vogliamo la sua foto le sue generalità ed il carcere duro

  • nel medioevo si dava la caccia alle streghe,bastava che qualcuno le additasse per essere giustiziate in piazza bruciate vive,più avanti tocco alle prostitute e alle adultere ad essere lapidate (tuttavia ancora oggi in alcuni paesi avviene)poi tocco agli omossuali ad essere castrati o in molti casi giustiziati. oggi nel 2013 questo succede a i presunti pedofili. spettabili lettori commentatori e soprattutto giornalisti, che mettete in giro notizia taroccate a modo vostro false pur di distruggere la vita alle persone. se volete venire vi dirò io come sono andate realmente le cose visto che oggi a distanza di 8 mesi nessuno mi ha sentito e ho chiesto di essere interrogato sull accaduto (cosa che qualsiasi avvocato sconsiglia di fare. i miei pc sono chiusi dentro un armadio blindato da circa 1 anno. voi invece avete già fatto una perizia. sui miei pc non cè nulla come non ci sono minaccie o denaro. l art 268,comma 4 del c.p.p prevede che dopo l arresto il pm debba fornire tutte le prove che hanno portato all arresto. ad oggi non cè nulla a parte le dichiarazioni dei genitori del ragazzo che tra l altro e solo uno e non quattro.e che ha detto di non essere mai stato minacciato ne costretto. invece i suoi genitori si... se volete vi do le copie degli hard disk dei pc cosi vi fate una perizia che a quanto pare avete già fatto.non ci sono soldi dati. non cè nulla. in italia dicono ci sia la presunzione di innocenza e non si e colpevoli fino a giudizio. non è vero nulla in italia si e colpevoli fino a prova contraria.il fatto che io sia un militare e servito solo a fare notizia. cari giornalisti se volete come già detto sono disposto a darvi gli hard disk e le conversazioni facebook incriminate cosi ve le leggete. non ho nulla da nascondere. e soprattutto non mi nascondo.

  • Tutto vero e tutto giusto, però una piccola distinzione bisogna farla tra chi è a contatto con minori, bambini o adolescenti, tipo insegnante di scuola, di danza, educatori, tante volte familiari stessi e quant’altro e quelli online. I primi non possono sfuggire e magari sono circuiti in maniera più subdola, mentre online si crea un rapporto a due (o a tre e più) e quindi c’è il concorso di colpa. Di sicuro anche il pedofilo ha una personalità fragile e a volte non si distingue tra chi adesca e chi abbocca.

  • Che sia un graduato di truppa, o ufficiale o sottufficiale, il baricentro del discorso non si sposta di un solo millimetro. Rimane l'amarezza nel leggere quanto sia squallida la storia accaduta.
    E' vero che i ragazzi nell'era attuale sono abbastanza edotti su tante sfaccettature della vita, però non si deve assolutamente generalizzare, in quanto tra gli adolescenti esistono personalità fragili, introverse o con altre problematiche di tipo psico sociale con difficoltà di relazione, ed è facile quindi che un malintenzionato riesca ad approfittarne. Il pedofilo è una persona fondamentalmente malata che va innanziutto curata e contestualmente perseguita per l'odioso crimine di cui si è reso protagonista nei confronti di minori.

  • Ai miei tempi non esistevano tanti gradi per la truppa. C’erano solo caporale e caporal-maggiore. Da quando non esiste più il servizio di leva hanno istituito i vari gradi di caporali. Tanto per classificare vari gradi di anzianità di servizio.
    Credo che la persona cui ci si riferisce fosse di ruolo, perché a 39 anni o vai a casa molto prima o sei in servizio effettivo, poi il giornalista nel dare la notizia non sta a vedere se fosse caporal-maggiore oppure 1° caporale maggiore.
    L’osservazione che mi verrebbe da fare è un’altra, premettendo che sono azioni vergognose, darei un concorso di colpa anche a chi si lascia adescare. Oggi i ragazzi dai 14 anni in su ne sanno più degli stessi genitori e se stanno con web-cam a chattare, o con smartphone o altre diavolerie e perché sono già smaliziati.
    Insomma, un po’ come se, viaggiando con l’automobile, uno frenasse di colpo, il tamponamento è quasi inevitabile. Non ha mantenuto la distanza di sicurezza… succedeva già con le bighe quando si correva troppo!

  • che brutta storia !

  • il senso di spiegare le varie differenze di grado ?.......spiega come il cervello umano a volte da priorita' assurde.........ignoranza brutta bestia

    • Avatar anonimo di Giuseppe
      Giuseppe

      Erica ho precisato che è un pezzo di mer.da!

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    nessuno ha capito

  • fan%censored% il grado....è solo una persona malata,lo darei in pasto ai porci!

  • che schifo!!!

  • in pasto al popolo deve venire.....

  • Ora che ci hai spiegato la differenza siamo tutti un po più sollevati, chissà cosa credevamo!

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    Che è un pezzo di mer.da è un pezzo di mer.da come Parolisi. Xò è assurdo che in qst c.azzo di paese non si sappiano i gradi! Caporalmaggiore è un grado di truppa, non effettivo, diverso da 1° caporalmaggiore, caporalmaggiore scelto, caporalmaggiore capo, caporalmaggiore capo scelto che sono gradi di personale di truppa effettivo! In qst casi non m'interessa è solo "ignoranza" di chi scrive, ma qnd muore un caporalmaggio capo con 15 anni di servizio per la patria e viene etichettato come caporalmaggiore lì girano i cogl.ioni.. é uno sfogo personale..

    • Mi permetto di aggiungere che per me un militare che muore è un uomo che muore sul lavoro e non per la patria.

    • Giuseppe, il militare per me (e credo per tanti altri) è un lavoro come tanti altri, quindi al popolo leggere il grado di un militare non interessa. Se muore un operaio, che questo fosse il responsabile del suo reparto o un ultimo arrivato o un team leader non fa nessuna differenza.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Troppi incidenti gravi e mortali, installati autovelox ma "balordi" ne incendiano uno: "Non è una pista di Formula uno"

  • Cronaca

    Colpo di scena sull'agguato al medico di via Vittime Civili, il 'pistolero' cambia versione: "Fu lui ad architettare tutto"

  • Cronaca

    Violenta rissa in piazza, parenti litigano per futili motivi: sei arresti e tre persone in ospedale

  • Cronaca

    Pericolosi e spregiudicati, arrestati ladri seriali: erano l'incubo dei commercianti di Vieste e Manfredonia

I più letti della settimana

  • Incredibile in serie B, il Tar annulla la delibera del Consiglio direttivo. I playout si giocano, ma per il Foggia tutto dipende dal Palermo

  • Violenza inaudita a Foggia: in branco pretendono sesso di gruppo (due minorenni), trans si rifiuta e viene picchiato a sangue

  • Violenza inaudita a Stornara: aggredisce ragazza a morsi, le stacca parte del labbro e le procura gravi lesioni al volto

  • Tragedia nel Foggiano: va nel bosco per tagliare legna, si ferisce ad una coscia e muore dissanguato

  • Kalashnikov pronti all'uso e maschere di silicone: carabinieri sequestrano tutto e sventano un assalto armato

  • Terrore sul Gargano: camion precipita in una scarpata e prende fuoco

Torna su
FoggiaToday è in caricamento