“Dammi 5 chili di pesce e 50 euro altrimenti ti incendio il mezzo”

Per questo motivo i carabinieri hanno arrestato Michele Siciliano, 38enne di San Marco in Lamis. Vittima un venditore ambulante di prodotti ittici al mercato di San Marco in Lamis

Immagine di repetorio

Pretendeva da un venditore ambulante cinque chili di pesce e 50 euro al giorno altrimenti gli avrebbe incendiato il mezzo. Per questo motivo i carabinieri di San Giovanni Rotondo hanno arrestato Michele Siciliano di anni 38, accusato di estorsione aggravata e continuata nei confronti di un venditore di prodotti ittici.

Ricevuta la denuncia i militari dell’Arma hanno predisposto un mirato servizio di osservazione all’interno del mercato della cittadina garganica. Qui, effettivamente, hanno notato l’estorsore avvicinarsi al venditore ambulante. In un secondo momento i due si sono spostati in un bar, per poi tornare vicino al banco di vendita.

L’ambulante a questo punto provvedeva alla confezione e consegna dei cinque chili di pesce del valore di cinquanta euro, debitamente scelti dal Siciliano, il quale - non accontentandosi - reiterava la richiesta di consegna del danaro. Alle strette ed impaurito, il commerciante consegnava anche 20 euro, ovvero tutto quello che aveva incassato sino a quel momento.

A quel punto il 38enne si allontanava ma veniva immediatamente bloccato e arrestato in flagranza di reato dai carabinieri. Su disposizione dell’autorità giudiziaria si trova agli arresti domiciliari. Per un motivo analogo l’uomo era stato arrestato poco più di un anno fa. In quel caso la vittima era un commerciante di fiori.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Grave attentato nel Foggiano: aperti bocchettoni dei silos di un'azienda, migliaia di litri di vino dispersi nelle campagne

Torna su
FoggiaToday è in caricamento