Omicidio Cerignola: arrestato Dimmito, ma “impenetrabile omertà dei testimoni”

Leonardo Dimmito ha ucciso Stefano Tango con un colpo di pistola. L’azione di carabinieri e polizia sotto il coordinamento della Procura di Foggia e la partecipazione dei Baschi Verdi della GdF è servita a spingere l’omicida a costituirsi

Pochi attimi dopo l'omicidio di Stefano Tango

Giovedì scorso, in pieno giorno, poco prima delle 9.30, incurante dei numerosi passanti, aveva esploso un colpo di pistola, una micidiale calibro 45, contro Stefano Tango, cl. '71, uccidendolo praticamente sul colpo, sotto gli occhi della figlia di appena sette anni, che era rimasta nel furgone ad attendere il ritorno del padre.

Le indagini, immediatamente avviate da Carabinieri e Polizia di Stato, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Foggia, attraverso la sinergia e il lavoro infaticabile di forze dell’ordine e pubblico ministero, presente sul posto fino a tarda sera quando il caso poteva dirsi risolto, hanno velocemente dato i frutti sperati. Ciò ha premiato lo sforzo messo in campo da un gruppo composito, che ha visto la partecipazione anche dei Baschi Verdi della Guardia di Finanza.

Le ricerche di Leonardo Dimmito, che si consegna agli investigatori

Nonostante l'assoluta e impenetrabile omertà dei numerosi testimoni, che si sono velocemente dileguati all'arrivo delle forze di polizia, la carenza sul luogo di impianti di videosorveglianza privati e l'assenza di quello cittadino, gli investigatori sono comunque riusciti a raccogliere le prove della responsabilità di Leonardo Dimmito, cl. '84, pregiudicato del posto. Il Pubblico Ministero, che ha personalmente diretto tutte le attività sul posto, ha pertanto emesso un provvedimento di fermo nei suoi confronti, nel frattempo resosi irreperibile, e nella prima mattina di venerdì lo ha trasmesso per l'esecuzione agli investigatori, ancora al lavoro per le ricerche del fuggitivo. Proprio le pressanti ricerche, mai interrotte, condotte anche con perquisizioni e appostamenti, si ritiene abbiano indotto il ricercato a decidere di costituirsi. E così, nella tarda mattinata dello stesso giorno, insieme al proprio avvocato, l’uomo si è consegnato agli investigatori, che lo hanno condotto in carcere. Ora Dimmito, che dovrà rispondere di omicidio volontario premeditato, sarà chiamato a spiegare le ragioni di tanta barbara ferocia.

Omicidio Cerignola: l’azione dello Stato che agisce in squadra

Un'ennesima vicenda di violenza e totale mancanza di senso civico e rispetto per la vita, nella quale però emerge un aspetto positivo, e cioè che lo Stato quando agisce in squadra e opera con uomini che sono motivati e uniti, che fanno cioè dell’interscambio delle rispettive competenze un motivo di forza, si presenta pronto e preparato per affrontare con tempestività qualunque situazione, sapendo dare un'immediata risposta alla parte sana della popolazione. A seguito dell'udienza di convalida verrà tenuta una conferenza stampa, nel corso della quale saranno forniti maggiori dettagli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piccola Alice non ce l'ha fatta: è morta la bimba di 6 mesi in vacanza con i genitori sul Gargano

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Angelo non ce l'ha fatta: si è spento a 26 anni "un ragazzo fantastico". Due anni fa l'incontro con l'idolo Pippo Inzaghi

  • Attimi di terrore a Vieste: bimba di 6 mesi rischia di morire soffocata, sanitari le salvano la vita

  • Grave incidente stradale tra Trinitapoli e Cerignola, scontro tra due auto: un morto

Torna su
FoggiaToday è in caricamento