Mafia e fiumi di droga col Sudamerica: 70 arresti in tutt'Italia, coinvolto foggiano

L'uomo, foggiano di 41 anni, è tra i destinatari delle 70 misure cautelari eseguite all'alba di oggi, in tutt'Italia, nell'ambito della maxi operazione che ha smantellato un intenso traffico di stupefacenti tra il Sudamerica e le filiali della 'Ndrangheta presenti nel nord Italia  

Dalle telecamere nascoste

C'è anche un foggiano di 41 anni, tra i destinatari delle 70 misure cautelari eseguite all'alba di oggi, in tutt'Italia, nell'ambito di una maxi operazione che ha smantellato un intenso traffico di stupefacenti tra il Sudamerica e le filiali della 'Ndrangheta presenti nel nord Italia.  

Il blitz contro la criminalità organizzata a Torino, con 400 carabinieri all'opera, ha visto tra gli arrestati anche un 41enne della provincia di Foggia, che risiede a Ravenna, dove gestisce un distributore di benzina. I carabinieri e la guardia di finanza hanno eseguito una settantina di misure cautelari, perlopiù arresti tra il Piemonte, Milano e la Calabria, spiccate dal giudice torinese Luca Fidelio nei confronti di altrettante persone accusate di appartenere, a vario titolo, alle filiali torinesi della 'Ndrangheta.

Come riporta RavennaToday.it, i reati contestati vanno dall'associazione per delinquere di stampo mafioso al traffico internazionale di droga, anche in questo caso aggravato dalle finalità mafiose, fino al riciclaggio e al trasferimento fraudolento di valori. Sottoposti a sequestro beni mobili ed immobili, nonché conti correnti e quote societarie per un valore in corso di quantificazione. Nel corso dell'inchiesta sono stati sequestrati 80 chili di droghe varie, un chilo martedì mattina. Sempre in mattinata  i carabinieri hanno inoltre sequestrato 46mila euro e 14 orologi di pregio. L'inchiesta è stata coordinata dal capo della direzione distrettuale antimafia, Anna Maria Loreto, e dai suoi sostituti Monica Abbatecola e Paolo Toso, insieme ad Antonio Smeriglio, morto un anno fa.

Il video del blitz

Tra i momenti chiave c'è stato, lo scorso luglio, l'arresto dei due super-latitanti Nicola e Patrick Assisi. Tra le persone arrestate figurano diverse persone già condannate per la maxi-inchiesta Minotauro del 2011, sempre per affiliazione di tipo mafioso. "Appena riprendono la possibilità e l'agibilità delle loro azioni - ha detto il procuratore generale di Torino, Francesco Saluzzo - riprendono anche il vincolo mafioso che non cessa mai, neanche con il carcere". Il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, aggiunge: "Quest'operazione dimostra quanto pericolosa sia questa organizzazione. Vi è un asse che lega la 'Ndrangheta del nord e del centro con i luoghi di origine".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le organizzazioni dedite al traffico internazionale di droga avevano di fatto due sedi. La prima si trovava a Volpiano, in provincia di Torino, l’altra nel quartiere Barriera di Milano, a Torino. Le indagini hanno permesso di riscontrare come i componenti delle cosche abbiano utilizzato parte dei proventi delle attività illecite reimpiegandoli in attività economiche, localizzate nei Comuni di Settimo Torinese e Volpiano, quali il noleggio delle slot machine, la commercializzazione del caffè e la raccolta delle scommesse. Le aziende venivano  fittiziamente intestate a prestanome compiacenti, al fine di eludere l’applicazione di eventuali misure di prevenzione che avrebbero potuto portare al sequestro delle imprese. Fra gli investimenti sottoposti a sequestro figura anche una palestra di Volpiano. I capi, e in particolare Antonio Agresta di 59 anni, leader della locale di Volpiano, mandavano ordini ai loro sottoposti anche dal carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Il Coronavirus non si ferma ma galoppa: 41 nuovi contagi nel Foggiano e 13 morti in Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento