Arrestato tossicodipendente: “Datemi i soldi, altrimenti vi ammazzo e brucio casa”

Un 25enne è stato arrestato in viale Candelaro per tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale. La mamma 60enne ha sporto denuncia. Il ragazzo aveva messo a soqquadro l'appartamento

redazione 13 aprile 2012
1

Gli agenti della Questura di Foggia hanno arrestato un 25enne con l’accusa di tentata estorsione ai propri genitori. Dopo la segnalazione di un litigio familiare in corso di svolgimento in un appartamento di viale Candelaro, i poliziotti sono giunti sul posto.

Nel dettaglio hanno trovato sedie riverse sul pavimento, quadri staccati dalla parete e vetri rotti.  Seduto sul divano del soggiorno il giovane agitava con forza un centrotavola di cristallo urlando frasi minacciose nei confronti dei genitori.

Nonostante l’invito degli agenti a calmarsi e a mostrare i propri documenti,  L.R.R.  inveiva contro le forze dell’ordine minacciando di lanciare il suppellettile contro chi si fosse avvicinato a lui. A quel punto gli uomini in divisa lo hanno bloccato e gli hanno tolto l’oggetto contundente dalle mani.

Mentre veniva trasferito in un’altra stanza, il 25enne ha continuato a rivolgere minacce alla madre 60enne: “Mi devi dare 400 euro altrimenti vi ammazzo tutti e due e brucio la casa!”.

La povera signora ha riferito agli operatori delle volanti di essere stanca delle continue richieste di denaro del figlio e dei suoi comportamenti violenti. Per questo motivo ha sporto denuncia.

Annuncio promozionale

Alla luce dei fatti, il giovane, già segnalato alla locale prefettura come assuntore di sostanza stupefacente, è stato arrestato per tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale ed è attualmente ospitato presso la locale casa circondariale.

Zona 167 - Via Lucera
arresti
estorsioni

1 Commenti

Feed
  • Avatar di francesco

    francesco Magari a scrivere nomi e cognomi con tanto di volti senza coperture aiuterebbe a identificare ogni tipo di %censored%o che esercita violenza e illegalità, ma Xke a sta gente non li bandite da sta citta' se proprio li dovete rilasciare o se non potete ucciderli, esiliateli fuori dalla nostra città

    il 2 ottobre del 2013