Aggredito, rapinato e ferito nel boschetto della villa: malvivente cerca di camuffarsi, ma viene riconosciuto e arrestato

E' accaduto nel tardo pomeriggio di ieri, all'interno del 'boschetto' della Villa Comunale di Foggia. L'immediato intervento della polizia ha permesso di individuare e sottoporre a fermo un 24enne del posto, per rapina e lesioni

Immagine di repertorio

Aggredito e colpito con un ramo di albero, poi rapinato di poche decine di euro. E' quanto accaduto nel tardo pomeriggio di ieri, all'interno del 'boschetto' della villa comunale di Foggia. Vittima dell'accaduto è un uomo del posto,  di 44 anni, che ha immediatamente lanciato l'allarme alla polizia.

Giunti sul posto,  gli agenti delle 'Volanti' con i colleghi del Reparto Prevenzione Crimine hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto a carico di un 24enne foggiano, pregiudicato, per i reati di rapina e lesioni. Il fatto è successo intorno alle 19 di ieri: secondo quanto denunciato, la vittima è stata avvicanata da un giovane che,brandendo un ramo di albero, gli intimava di dagli tutto quello che possedeva.

L'uomo quindi gli consegnava la somma di 45 euro, il telefonino e le carte di credito. Il giovane, non contento, insisteva per avere il pin delle carte di credito, cosa che la vittima negava di conoscere. A qual punto il rapinatore insisteva per aver il pin di sblocco del telefono.
A questo punto la vittima, approfittando di un momento di distrazione, tirava dalle mani dell’aggressore le carte di credito ed il telefono cellulare riappropriandosene, e mentre tentava di scappare il malvivente lo colpiva con il ramo dell’albero sul volto procurandogli delle lesioni.

Gli Aagenti che si trovavano già in servizio di controllo del territorio nella zona del centro cittadino, che include anche la villa comunale, sono intervenuti tempestivamente sul posto raccogliendo la denuncia della vittima e cominciando le ricerche del fuggitivo sulla base della descrizione fornita.
Mentre veniva battuta la zona circostante la villa e le vie del centro cittadino, gli agenti venivano contattati dalla sala operativa perché la vittima della rapina aveva individuato il suo aggressore in piazza Marconi, presso un locale di ristorazione.

Gli agenti hanno quindi termato il giovane proprio mentre tentava di dileguarsi e di indossare il giubbotto al contrario per non farsi riconoscere. Lo stesso, dopo il controllo, è stato accompagnato  presso gli Uffici della Qquestura e, compiute le formalità di rito, veniva tradotto presso la locale Casa Circondariale  a disposizione della locale Procura della Repubblica. "L'attività - commenta il dirigente della Sezione Volanti, Pasquale Fratepietro - è stata resa possibile grazie al controllo pressante e capillare del centro cittadino (compresa) che ricomprende la villa comunale. Le pattuglie, già in zona, sono intervenute in pochi istanti, riuscendo ad individuare il responsabile di un reato odioso, reso ancor più grave perchè compiuto in un luogo pubblico". 

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

  • Ultim'ora | Shock in via Tiro a Segno, a Cerignola: auto investe sei adolescenti, due sono gravissimi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento