Attimi di tensione in Questura, 35enne si ribella a un controllo e dà in escandescenza: arrestato per danneggiamento

il giorno di Pasquetta, gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine di Lecce e del Reparto Volanti hanno tratto in arresto il nigeriano Kinglsey Asewo, classe 1984, per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento

Immagine di repertorio

'Pasquetta' movimentata in via Gramsci, a Foggia, dove un uomo condotto per accertamenti negli uffici della questura ha dato in escandescenza, portando scompiglia sia all'interno che all'esterno della struttura.

Il fatto è successo ieri, quando gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine di Lecce e del Reparto Volanti hanno tratto in arresto Kinglsey Asewo, classe 1984, per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. Più nel dettaglio, ieri pomeriggio, la pattuglia RPC interveniva in ausilio presso i locali della Questura Ufficio Volanti, in quanto uno straniero non voleva allontanarsi dagli uffici.

In particolare, il cittadino nigeriano veniva accompagnato negli uffici delle 'Volanti' perché non in regola con il permesso di soggiorno, ma dopo le formalità di rito non intendeva uscire dalla struttura. Nonostante i numerosi inviti a lasciare gli uffici, rivoltigli sia in italiano che in inglese, l’uomo si stendeva a terra opponendo resistenza passiva.

A quel punto con l’ausilio degli agenti RPC, il giovane veniva accompagnato all’esterno della questura, ma appena fuori iniziata a protestare, spargendo ovunque i capi di abbigliamento che aveva nello zaino e nelle buste che aveva con sé; i poliziotti raccoglievano il materiale e lo rimettevano nello zaino  restituendolo allo straniero mentre questi si allontanava. Ad un certo punto, il 35enne ritornava indietro e lanciava lo zaino e le buste contro le auto della polizia e sopra le telecamere, facendo modificare l’inquadratura.

Non contento, si avvicinava al cancello pedonale dell’ingresso della Questura, che nel frattempo era stato chiuso e lo percuoteva talmente forte che danneggiava la serratura, riuscendo ad aprirlo ed entrare, senza autorizzazione, all’interno del cortile della questura.

A quel punto l’uomo si dirigeva verso gli Uffici interni, con l’intento di entrarvi ma veniva prontamente fermato dagli agenti. Alla luce di quanto ricostruito, il nigeriano veniva tratto in arresto e dopo le formalità di rito, condotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.   

Potrebbe interessarti

  • Proprietà e benefici dei lupini

  • Rimedi naturali per pulire la piastra del ferro da stiro

  • Le bracerie a Foggia: i posti giusti per gli amanti della carne

  • Alla scoperta dell'incantevole Lago di Lesina, il secondo più vasto dell'Italia meridionale

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato sulla SP 66: le telecamere riprendono la vittima mentre riempie la tanica di benzina con cui si è data fuoco

  • Incidente mortale tra San Severo e Apricena, violento scontro tra auto e tir: purtroppo c'è una vittima

  • Il mare della Puglia è il terzo più bello d'Italia: quello di Vieste, Mattinata, Tremiti e Monte premiato con 4 vele

  • Macabro ritrovamento lungo la Provinciale 66: auto in fiamme, dentro c'è un cadavere

  • Esplode silos in azienda cereagricola: paura ad Ascoli Satriano

  • Spaccate e micidiali bombe, così assaltavano i bancomat di Foggia: due arresti (si cercano i complici)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento