Spregiudicati estorcevano denaro a imprenditori: arrestato caporal maggiore dell’Esercito

I carabinieri hanno arrestato il 37enne Fabio Delli Carri. Trasportatori di merce venivano aggrediti con pugni e calci. I mezzi incendiati. La denuncia è partita da uno dei quattro imprenditori minacciati e aggrediti

Fabio Delli Carri, 37enne di Foggia

E’ accusato di tentata estorsione a imprenditori del settore caseario Fabio Delli Carri, il caporal maggiore dell’esercito arrestato dai carabinieri di Foggia. L’indagine dei militari dell’Arma ha preso spunto dalla denuncia di un commerciante del settore caseario dell’Avellinese, il quale, in seguito alle minacce sfociate in un’aggressione perpetrata da due foggiani, tra cui l’arrestato, si è rivolto ai militari dell’Arma raccontando una vicenda complessa di carattere estorsivo.

Il trentenne ha riferito che durante una delle consegne ai ristoratori locali, era stato aggredito con pugni e calci al corpo e al viso da due persone, tra cui Delli Carri, che gli intimavano di pagare 3mila euro per poter continuare ad esercitare. Particolare, questo, confermato dal collega di lavoro della vittima che aveva assistito all’accaduto.

Le indagini, proseguite con l’ausilio di attività tecnica, hanno consentito di accertare che il 37enne, avvalendosi della collaborazione di altri soggetti, su cui sono in corso ulteriori accertamenti, poneva in essere in una serie di attività estorsive nei confronti di altri quattro imprenditori operanti nel settore caseario.

Il modus operandi era sempre lo stesso: dopo aver localizzato i furgoni utilizzati dai commercianti locali per le varie consegne di prodotti caseari presso pizzerie, ristoranti e negozi di alimentari, procedevano ad incendiarli, utilizzando liquido infiammabile. Da registrare altresì l’aggressione al conducente di un furgone nei pressi di una pizzeria. La vittima aggredita da uno dei complici dell’uomo a volto scoperto, era stata infatti raggiunta da una raffica di calci e pugni.

Gli elementi raccolti nel corso dell’attività hanno chiarito senza dubbio i motivi dei gesti estorsivi poiché gli aggressori operavano sempre in maniera spregiudicata, avvicinando e aggredendo i fornitori che trasportavano prodotti caseari. Rimane da accertare la posizione di altre tre persone, coinvolte in un attività di produzione e commercio di prodotti caseari a  Foggia, che era di fatto “favorita” dall’attività illecita dell’arrestato. Per queste, pur emergendo indizi di colpevolezza, l’Autorità Giudiziaria non ha ravvisato le esigenze cautelari.

Potrebbe interessarti

  • Proprietà e benefici dei lupini

  • Rimedi naturali per pulire la piastra del ferro da stiro

  • Le bracerie a Foggia: i posti giusti per gli amanti della carne

  • Cosa fare in caso di puntura da medusa?

I più letti della settimana

  • Tragedia nelle campagne del Foggiano: bracciante agricolo muore schiacciato da un trattore

  • La Capitanata in lutto: è morta la 'nonna d'Europa' Giuseppa Robucci, si è spenta a 116 anni (e 90 giorni)

  • Attimi di paura in ospedale: violento irrompe in Pronto Soccorso, aggredisce infermiere e lancia in aria pc e defibrillatore

  • Esplode silos in azienda cereagricola: paura ad Ascoli Satriano

  • Spaccate e micidiali bombe, così assaltavano i bancomat di Foggia: due arresti (si cercano i complici)

  • Ragazze sfruttate e fatte prostituire, le camere in pieno centro a Foggia: in carcere maitresse (nei guai locatori)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento