Gioia per la cattura di Battisti. Il nipote del poliziotto foggiano ucciso nel '77: "Finalmente, ora estradizione"

Il commento di Potito Perruggini, nipote del brigadiere Giuseppe Ciotta, di Ascoli Satriano, ucciso nel 1977: "Ora il governo spinga per l'estradizione"

Cesare Battisti da Today (EPA/FERNANDO BIZERRA JR)

La notizia dell'arresto del terrorista Cesare Battisti ha fatto letteralmente il giro del mondo. Dalla Bolivia, dove il fuggitivo è stato stanato dalle forze di polizia, ad Ascoli Satriano, nel Foggiano, che conta una delle vittime del terrorismo rosso.

Ovvero, il brigadiere di polizia Giuseppe Ciotta, ucciso nel 1977. A commentare a caldo la notizia, all'AdnKronos, è Potito Perruggini, nipote di Ciotta: "Una bellissima notizia per tutti i famigliari delle vittime del terrorismo. Ho apprezzato il fatto che ora i terroristi vengono chiamati terroristi e non più 'ex'. Il clima è cambiato, Battisti è stato finalmente catturato. Ora il governo deve spingere per l'estradizione, siamo fiduciosi perchè ora ci sono le motivazioni e la determinazione che in passato non c'erano". Le vittime - osserva - saranno sempre vittime e purtroppo non potranno mai essere 'ex' vittime del terrorismo. Ora avanti con la ricerca della verità storica sul terrorismo, che non sempre coincide con quella giudiziaria".

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento