Litiga con i genitori e li colpisce con calci e pugni, poi si scaglia contro carabinieri: arrestato

Arrestato 26enne, dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti contro familiari e resistenza a pubblico ufficiale. I genitori hanno riportato contusioni multiple al capo, escoriazioni, ferite lacero contuse e un’ecchimosi all’occhio

Dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti contro familiari e resistenza a pubblico ufficiale il giovane arrestato nella mattinata di ieri, a Casalnuovo Monterotaro, dove i carabinieri fermato il 26enne incensurato Giovanni Costantino. I fatti si sono verificati nella mattinata di ieri all’interno di un'abitazione e solo il tempestivo intervento dei militari dell’Arma ha scongiurato che la vicenda potesse degenerare in qualcosa di ben più grave.

L’intervento dei carabinieri dopo la richiesta di aiuto delle vittime

I carabinieri sono intervenuti presso l’abitazione del giovane su richiesta della coppia di coniugi, che già qualche giorno addietro avevano denunciato ai militari il comportamento aggressivo del proprio figlio nei loro confronti. Il figlio, infatti, al termine dell’ennesima discussione, aveva  ggredito e malmenato i genitori con calci e pugni.

All’arrivo dei militari il Costantino ha tentato di darsi alla fuga a piedi ma, subito raggiunto, si è scagliato contro i carabinieri. Bloccato e immobilizzato l'esagitato, in una cornice di assoluta sicurezza, i militari hanno condotto il 26enne presso la caserma di Casalnuovo Monterotaro per gli accertamenti di rito, non prima però di aver garantito un’assistenza ai due malcapitati.

Il padre e la madre, visitati da personale del 118, sono stati riscontrati affetti da contusioni multiple al capo, escoriazioni alla fronte e alla regione parietale con ferita lacero contusa nonché un’ecchimosi all’occhio, e giudicati guaribili in otto giorni, mentre due militari sono stati riscontrati affetti da trauma contusivo della regione cervicale, contusioni ed escoriazioni all’avambraccio ed al ginocchio, e giudicati guaribili in cinque giorni. Il giovane è ora in carcere su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento