15 braccianti stipati nel furgone in condizioni disumane: arrestato autista-caporale

Sequestrato il mezzo e documenti attestanti la contabilità del lavoro nero e denaro contante di cui il presunto caporale dovrà dare spiegazione

Un fermo immagine tratto da un video della polizia di ragusa mostra un momento dell'operazione anti caporalato svolta nelle campagne ragusane che ha prtato al fermo di alcuni sfruttatori di manodopera a Ragusa, 6 giugno 2018. ANSA/POLIZIA EDITORIAL USE ONLY

Continua incessante, d’intesa con la Procura di Foggia, l’attività di prevenzione e repressione della Polizia di Stato rivolta al contrasto del fenomeno del caporalato. Lo scorso 7 settembre, gli agenti della Squadra Mobile – Gruppo San Severo e del Commissariato di San Severo, con la collaborazione del Nucleo Ispettivo del Lavoro dei Carabinieri, hanno arrestato un 30enne per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Nel corso di un servizio volto a contrastare il fenomeno del caporalato, intensificatosi ulteriormente nel periodo delle raccolte stagionali, gli investigatori hanno individuato una zona rurale in agro di Apricena, dove erano stati notati degli uomini di colore che raccoglievano pomodori.

Dentro il furgone del caporale | IL VIDEO

E' iniziata quindi una attenta attività di osservazione che ha consentito di ricostruire la giornata lavorativa dei braccianti: si cominciava verso le 6 di mattina, i lavoratori giungevano sull’area coltivata trasportati a bordo di un furgone blu, fatiscente. L’uomo che conduceva il mezzo era il caporale, lo stesso che controllava il lavoro sui campi.

Verso le 14.30, alla fine della giornata lavorativa, gli agenti si sono appostati in zona e hanno proceduto al fermo e al controllo del veicolo notato nei servizi di osservazione. Identificati quindi il conducente e gli occupanti, 15 in tutto, stipati all’interno del cassone, alcuni seduti ed altri in piedi, trasportati in evidente violazione di norme igieniche e di sicurezza, oltre che in condizioni disumane.

All’interno del furgone i braccianti erano trasandati, sporchi e molti calzavano ciabatte. Condotti in ufficio, i lavoratori sono stati tutti identificati e rifocillati. Gli stessi hanno fornito agli investigatori preziosi spunti investigativi circa l’ipotesi di reato di caporalato. Sequestrati, inoltre, documenti attestanti la contabilità del lavoro nero e denaro contante di cui il presunto caporale dovrà dare spiegazione. Alla fine delle formalità di rito, l'uomo è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Potrebbe interessarti

  • Zanzare: perché pungono solo alcune persone

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

  • Ginnastica da scrivania: quali esercizi fare mentre si è al lavoro

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia, scontro tra un'auto e un motorino: la vittima ha 15 anni

  • Foggia sotto shock, immenso dolore per la morte di Gianluca: "Dio dacci la forza". La prof. "Come lui davvero pochi"

  • Maxi concorso per infermieri, come per gli Oss a Foggia: 1000 i posti disponibili in Puglia

  • Frontale auto-moto nei pressi del Comune, la due-ruote scivola e investe due persone: tre feriti

  • Roberta non è morta strangolata: i funerali forse venerdì, a San Severo sarà lutto cittadino

  • Torna in mare lo yacht di Lucio Dalla: ci sono ancora le tendine blu delle Isole Tremiti e le sue canzoni

Torna su
FoggiaToday è in caricamento