Ubriaco raggiunge la moglie sul lavoro, la prende a pugni in testa e tenta di rapinarla: arrestato

E' quanto accaduto ieri, in un ristorante di Alberona. L'uomo ha colpito la donna con punti alla testa e le ha lanciato contro degli oggetti. Solo il tempestivo intervento dei carabinieri ha evitato il peggio. Ora è in carcere

Immagine di repertorio

Tenta di rapinare la moglie sul luogo di lavoro, 33enne bloccato e arrestato dai carabinieri ad Alberona. E’ quanto accaduto nella giornata di ieri, quando i militari della Compagnia di Lucera hanno tratto in arresto, nella flagranza dei reati di tentativo di rapina e maltrattamenti in danno di familiari, Ioan Apostol, 33enne cittadino rumeno, disoccupato, già gravato da numerosi precedenti di polizia.

I fatti si sono verificati nel primo pomeriggio, quando l’uomo, dopo aver speso tutto il proprio denaro in alcolici, in stato di evidente ubriachezza ha raggiunto la moglie sul luogo di lavoro, un ristorante del piccolo centro dell’Appennino Dauno, con l’unico intento di ottenere ancora qualcosa da bere. La situazione è immediatamente degenerata: al rifiuto della donna, il 33enne ha iniziato ad insultarla ed è poi passato alle vie di fatto, sferrandole ripetuti pugni alla testa e scagliandole contro pesanti oggetti. Fortunatamente la donna è riuscita a barricarsi in un vano del locale e a chiamare il numero di emergenza 112.

L’intervento tempestivo dei Carabinieri della Stazione di Roseto Valfortore, che in quel momento si trovavano presso la postazione dell’Arma all’interno del Municipio di Alberona, ha impedito che potessero verificarsi conseguenze ben più gravi per la donna. L’uomo , una volta raggiunto, è stato bloccato dai carabinieri, con non poche difficoltà, e condotto in caserma. I militari hanno anche provveduto a far sottoporre la donna alle cure del locale presidio sanitario e, una volta rassicurati sul suo stato di salute, hanno proceduto ad ascoltarla.

È stato così ricostruito uno squallido quadro di violenze domestiche, che si protraevano sin dal gennaio dello scorso anno e che avevano come comune causa scatenante la dipendenza dall’alcool dell'uomo. Si è infatti potuto accertare come l’uomo, in ripetute occasioni, avesse aggredito la consorte, colpevole di non fornirgli denaro a sufficienza per soddisfare la propria dipendenza, arrivando sfogare le sue ire anche contro le loro due figlie di 5 e 9 anni. L’uomo è stato associato al carcere di Foggia, dove resterà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Voleva far saltare in aria l'intero condominio": aspirante suicida arrestato per atti persecutori e strage

  • Cronaca

    Sangue sul Gargano: dopo l'omicidio di Gentile, più controlli e stazione mobile dei carabinieri su Mattinata

  • Cronaca

    Metta divulga le carte dell'interrogatorio di Bonassisa: "Un amministratore onesto è sempre esposto a millanterie"

  • Cronaca

    “Se non mi dai i soldi, non ritrovi più l’auto”: parcheggiatore abusivo denunciato per tentata estorsione

I più letti della settimana

  • Gino Lisa, ecco il piano di sviluppo dell'aeroporto per una Foggia Città d'Europa

  • Omicidio a Mattinata, Francesco Pio Gentile ucciso in un agguato sotto casa

  • Paura a San Nicandro: litigano in strada per un incidente, uno dei due estrae una pistola e spara contro l'auto "nemica"

  • La foggiana nonna Peppa compie 116 anni: buon compleanno alla donna più longeva d'Europa (la seconda nel mondo)

  • Tragico incidente in viale XXIV Maggio: auto investe e uccide cane, padrone in ospedale per un malore

  • Omicidio a Mattinata, Gentile ucciso a colpi di fucile: nella notte eseguiti sei stub e una dozzina di perquisizioni

Torna su
FoggiaToday è in caricamento