Cerignolano aggredito alla festa patronale di Canosa: polizia sulle tracce dei 'bulli', fermato un 19enne

Le ipotesi di reato per le quali si procederà sono tentata rapina impropria e lesioni aggravate. La violenta aggressione è avvenuta nell'area Luna Park della festa patronale, cui Giuseppe e suo fratello stavano partecipando

Visite in ospedale per la vittima di aggressione

Individuato e arrestato uno dei presunti componenti del 'branco' che lo scorso 2 agosto, a Canosa di Puglia, ha aggredito un ragazzo di Cerignola, Giuseppe, intervenuto contro la gang in difesa del fratello, cui il gruppo voleva rubare il telefono cellulare.

La violenta aggressione è avvenuta nell'area Luna Park allestita in occasione della festa patronale cittadina, cui Giuseppe e suo fratello (entrambi sordo-muti) stavano partecipando. Per il fatto, alcuni giorni fa, è stato fermato dalla polizia un 19enne di Canosa; gli agenti sono sulle tracce di almeno un altro paio di presunti membri della banda. Le ipotesi di reato per le quali si procederà sono tentata rapina impropria e lesioni aggravate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: primo caso di Coronavirus in Puglia

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Tampone su un paziente, si attendono i risultati: quarantena provvisoria per i sanitari entrati in contatto col soggetto

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Coronavirus: altri due casi in Puglia, sono la moglie e il fratello del 'Paziente 1' della provincia di Taranto

  • Scacco matto alla pericolosa 'Banda del Buco', otto arresti tra Foggia e San Severo: i nomi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento