Mafia sul Gargano, doppia operazione a Vieste: smantellato il clan Raduano, fermati gli autori dell'agguato a Cristalli

Nell'ambito del blitz 'Neve di Marzo', i militari hanno fermato i due autori del tentato omicidio di Giovanni Cristalli e hanno smantellato il gruppo criminale che gestiva i traffici illeciti su Vieste e nel Gargano. Sono 15 le misure cautelari eseguite, complessivamente 30 persone sono indagate

Doppia operazione antimafia sul Gargano, eseguita all'alba di oggi dai Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari.

I nomi degli arrestati e dei fermati

Nell'ambito del blitz 'Neve di Marzo', i militari hanno fermato i due autori del tentato omicidio di Giovanni Cristalli, avvenuto lo scorso 14 ottobre, in pieno centro, a Vieste, e hanno smantellato il gruppo criminale che gestiva i traffici illeciti su Vieste e nel Gargano, con 15 misure cautelari custodiali eseguite per associazione a delinquere per il traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal “metodo mafioso” e dall’uso di armi.

Le immagini video del blitz a Vieste: clicca qui

Nel dettaglio, lo scorso sabato, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Foggia hanno eseguito - su decreto della DDA di Bari - il fermo di due persone accusate del tentato omicidio, avvenuto nelle prime ore del pomeriggio del 14 ottobre in pieno centro a Vieste, ai danni del 34enne Giovanni Cristalli. Nel corso dell’esecuzione dei fermi, i carabinieri hanno anche rinvenuto droga ed una molotov. Le indagini sono state rapidissime. Principalmente attraverso l’esame di videocamere si è riusciti a delineare un quadro indiziario chiarissimo della dinamica e degli autori della sparatoria.

Ancora, nelle prime ore del mattino, gli stessi Carabinieri di Foggia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari su richiesta sempre della Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo nei confronti di 15 soggetti a vario titolo inseriti in gruppi criminali operanti nel territorio della stessa città di Vieste. Il violento controllo del territorio e la forza intimidatrice espressa da parte di tali soggetti arriva a concretizzarsi anche con azioni efferate, compiute addirittura in pieno giorno, come difatti accaduto il 14 ottobre.

Il contesto criminale sul quale si è investigato riguarda la violenta contrapposizione tra i due gruppi nati dalla scissione dell’organizzazione a suo tempo capeggiata da Angelo Notarangelo, ucciso il 25 gennaio 2015, gruppi che si sono fronteggiati per il controllo del traffico e dello spaccio di stupefacenti nella cittadina, meta di un enorme flusso turistico e che per questo rappresenta una piazza di spaccio di enorme importanza. Si tratta di uno scenario di guerra culminato ultimamente con l’omicidio di Girolamo Perna dell’aprile scorso.

L’indagine è stata complessa ed articolata e costituisce l’approfondimento e la prosecuzione di quella che – nell’agosto 2018 - aveva consentito il fermo di Marco Raduano, Liberantonio Azzarone, Luigi e Gianluigi Troiano, diretta e coordinata sempre dalla DDA di Bari. Contestata al gruppo Raduano l’associazione a delinquere dedita al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal “metodo mafioso”, e dall’uso di armi. Durante le indagini, iniziate nell’estate 2017, diversi sono stati gli arresti operati dagli investigatori dell’Arma, come anche gli importanti recuperi di stupefacente (cocaina, marijuana e hashish) e di armi, anche da guerra.

Complessivamente, nell’indagine convenzionalmente denominata “Neve di Marzo”, gli indagati sono oltre una trentina. Le investigazioni sono state sviluppate dagli inquirenti con modalità tradizionali, strettamente connesse al monitoraggio dinamico del territorio, ma pure con mirate indagini tecniche, anche di ultima generazione. E’ interessante sottolineare che le due operazioni, se da un lato hanno portato a termine lo smantellamento del clan Raduano, dall’altro hanno consentito di stroncare sul nascere - con i fermi - il tentativo della criminalità organizzata viestana di ricostituire, dalle ceneri dei vecchi sodalizi, nuove entità associative di tipo organizzato.

Le operazioni di perquisizione ed arresto dei militari dell’Arma si sono svolte anche mediante l’impiego dei Reparti speciali dei Carabinieri, tra cui il Nucleo Elicotteri, il Nucleo Cinofili e lo Squadrone Eliportato Carabinieri Cacciatori. Si ricorda che anche il gruppo contrapposto, facente capo al defunto Perna, è stato recentemente colpito (3 giugno 2019) con una operazione (denominata “Scacco al Re”) del mese di giugno scorso, con l’arresto dei cugini Claudio e Gianni Iannoli, chiamati a rispondere del tentato omicidio di Marco Raduano del 21 marzo 2018, secondo episodio della “triade del 21 marzo”

A questo proposito, si ricorda che il 21.3.2019 è stato ucciso Pio Francesco Gentile, per il quale delitto le indagini sono tuttora in corso, mentre il 21.3.2017 avvenne l’omicidio di Giuseppe Silvestri detto “l’Apicanese”, per il quale sono stati arrestati Matteo Lombardi e Antonio Zino; il 21.3.2018 fu commesso il tentato omicidio di Marco Raduano, per il quale, come detto, sono stati arrestati i cugini Iannoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Cerignola: spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si toglie la vita

  • Scacco al clan: maxi operazione antimafia di Carabinieri e Cacciatori, 50 arresti (anche a Foggia e Cerignola)

  • Mamma 'scatenata', in auto con i figli minori forza posto di blocco e avvia pericoloso inseguimento

  • Mafia garganica: catturato alle Canarie 'U meticcio', è rientrato in Italia dopo l'arresto del blitz 'Neve di Marzo'

  • Aggredito il consigliere comunale Massimiliano Di Fonso: picchiato da 5 uomini, finisce in ospedale

  • Ladri di olive in azione, dipendenti del frantoio fingono di non accorgersene. Irrompono i carabinieri, un arresto e furto sventato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento