Smascherata organizzazione criminale: così smaltivano i rifiuti campani nei campi del Foggiano

70 ettari di terreno situate nelle zone di Manfredonia, San Severo, Zapponeta e San Paolo Civitate, oggetto di sversamenti illeciti di rifiuti speciali. 19 persone arrestate, 46 indagati, sigilli a 70 ettari di terreno

Immagine di repertorio

Traffico organizzato di rifiuti in concorso, corruzione, falso ideologico in atto pubblico, realizzazione e gestione di discarica abusiva: sono queste le accuse mosse dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, nei confronti di 19 persone arrestate all'alba di oggi, nell'ambito del blitz 'In Daunia venenum'. 

I NOMI DEI 19 ARRESTATI

Complessivamente, l'inchiesta conta 46 indagati (42 persone fisiche e 4 società). Nel dettaglio, all’esito delle complesse attività investigative condotte dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari e dal personale del commissariato di Manfredonia con la squadra mobile di Foggia, il gip presso il Tribunale di Bari ha disposto l’applicazione di 19 misure cautelari personali (5 in carcere, 9 ai domiciliari, 2 obblighi di dimora, 2 divieti di dimora e 1 divieto di esercizio dell’attività d’impresa) nonché il sequestro preventivo di beni per il valore complessivo di oltre 9,3 milioni di euro.

Oltre 130 sono gli uomini della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato impegnati nell'esecuzione delle ordinanze nelle città di Bari, San Severo, Cerignola, Zapponeta, Casalnuovo di Napoli, Pozzuoli, Pollena Trocchia, Mariglianella, Napoli, Barletta, Mola di Bari, Gravina in Puglia e Modugno. In particolare i sequestri hanno per oggetto numerosi conti di due delle società coinvolte e di alcune delle persone fisiche indagate, le quote societarie e l’intero compendio aziendale di una delle società stesse ed, infine, 70 ettari di terreno situate nelle zone di Manfredonia, San Severo, Zapponeta e San Paolo Civitate, oggetto di sversamenti illeciti di rifiuti speciali.

Contemporaneamente, è stata data esecuzione a 9 decreti di perquisizione locale nei confronti di alcuni degli indagati. Il traffico dei rifiuti, monitorato attraverso una capillare attività investigativa supportata dall’utilizzo di sofisticata strumentazione tecnica, si è sviluppato lungo la direttrice Napoli-Foggia e ha disvelato l’esistenza di una organizzazione criminale che ha riversato, illecitamente, una ingente quantità di rifiuti nell’agro di Manfredonia e di altre zone della provincia dauna, con la complicità di una società di servizi ambientali di San Severo - la Lufa Service srl - nonché attraverso l’impiego di automezzi dell’impresa Pulitem srl di Casalnuovo di Napoli.

Questo lo schema con cui si svolgeva l’attività delittuosa: i rifiuti, provenienti dalle province di Napoli e Caserta, venivano dapprima convogliati presso la Lufa Service - con quantitativi assolutamente superiori rispetto a quanto consentito dall’autorizzazione provinciale - per essere successivamente smaltiti (dopo una mera parvenza di trattamento di compostaggio) su terreni - che venivano, di fatto, utilizzati come discariche - nella disponibilità della stessa Lufa Service ovvero di terzi rivelatisi, talvolta, soggetti compiacenti. 

Il totale del materiale illecitamente sversato, dal 2010 al 2014, è stato quantificato nell’ambito di un range che raggiunge, come previsione massima, il quantitativo di circa 100.000 tonnellate. In connessione con questi illeciti, sono state accertate ulteriori condotte delittuose, tra cui alcuni reati di falso ideologico nonché alcuni episodi di corruzione che vedono coinvolto un pubblico ufficiale, dirigente di una Unità Operativa Complessa dell’Arpa Puglia.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Ora abbiamo anche noi la terra dei fuo.chi .....
    Pezzi di mer.da !!

  • Ma tale Calvo , non è lo stesso che ha fatto stampare i manifesti contro l'impianto dell?area Safab? Quindi esiste un interesse diverso da quello della collettività ( ma chi ci ha mai creduto) Che pena

    • Aspetta, non mi ricordo bene, ma potrebbe essere : e che cosa ci volevano fare lì, che lui faceva apparire di voler contrastare ? Mica un inceneritore, che avrebbe sicuramente tolto " lavoro " al circuito parallelo ?

  • Dategli l'ergastolo, questo è omicidio di massa.

  • è difficile commentare a cuor leggero queste notizie, perché si tratta di un connubio invivibile, quale quello tra veleni e salute. in questa maledetta congiuntura tra crisi economica, corruzione, camorra (società?) e delinquenza comune ed un settore, quello dello smaltimento illecito di rifiuti, che, certamente, non ha mai conosciuto un solo momento di decadimento, la scoperta delle forze dell'ordine potrebbe forse classificarsi come un tassello appartenente ad un puzzle enorme...

  • Quindi, anche la parte finale di ArpiNova, rientra nel Comune di Manfredonia ! Che dire : gli uomini del Commissariato di Manfredonia, magistralmente diretti, sappiamo bene come lavorano : questa volta, si sono aggiunti anche quelli della G.d.F. barese, certamente non da meno ! Bravi : altrimenti, tra un pò, diventeremo, se non lo siamo già, la pattumiera d'Italia !

Notizie di oggi

  • Sport

    Guarna fa un ‘regalo’ alla sua ex squadra: allo ‘Zaccheria’ Foggia e Bari pareggiano come 21 anni fa

  • Eventi

    VIDEO | Dal panino di mare agli arrosticini: che meraviglia Foggia quando c'è Libando

  • Attualità

    VIDEO | Tappa foggiana per Malagutti, lo psicologo che gira l'Italia a piedi: "Lo faccio per tre motivi"

  • Cucina

    VIDEO | Orecchiette spettacolo a Foggia: ecco quelle di Nunzia, la nonna di Bari Vecchia

I più letti della settimana

  • Colpo da 8 milioni di euro in un caveau, sgominata banda di 'professionisti': due arresti nel Foggiano

  • Fuga da film a Foggia: polizia insegue Jaguar rubate, per evitare tragedia volante finisce fuori strada

  • "Stavano per compiere qualcosa di grave a Vieste": sequestrate armi, arrestati tre giovanissimi

  • Inseguimento da film per le vie del centro: carabinieri inseguono auto rubata, fuga termina in piazza Cavour

  • Torre Mileto appartiene a Lesina: può partire la riqualificazione dell'area che conta 2mila costruzioni abusive

  • Rissa tra donne presso il Santuario di San Pio: foggiana e macedoni litigano per l'elemosina

Torna su
FoggiaToday è in caricamento