Fermati con maschere di gomma e armi pronte a sparare: così i carabinieri sventano omicidio

Si tratta del 39enne Giovanni Putignano, di Torremaggiore, del 28enne Angelo Bonsanto, di Lesina, di Nicola Paradiso 37enne di Torremaggiore e di Tommaso Alessandro D’Angelo, 32enne foggiano vicino alla batteria dei Moretti-Pellegrino-Lanza

La “staffetta” scooter-auto era appena partita da un garage in via Trieste, a Torremaggiore. A bordo dei due mezzi, quattro persone tutte pregiudicate, tutte travisate e armate fino ai denti. Per i carabinieri del nucleo investigativo giunti in rinforzo in Capitanata per i gravi fatti di sangue degli ultimi giorni, il commando era pronto per commettere un omicidio.

E’ questa l’ipotesi che si fa strada tra i militari, che nel pomeriggio di ieri hanno arrestato in flagranza di reato quattro persone, accusate di detenzione e porto abusivo di armi alterate e ricettazione. Si tratta del 39enne Giovanni Putignano, imprenditore di Torremaggiore, del 28enne Angelo Bonsanto, ristoratore di Lesina, di Nicola Paradiso 37enne di Torremaggiore e di Tommaso Alessandro D’Angelo, 32enne di Foggia, ritenuto dagli inquirenti vicino alla batteria dei Moretti-Pellegrino-Lanza. 

Già da tempo, i carabinieri del nucleo investigativo del Comando provinciale di Foggia stavano monitorando alcuni movimenti sospetti attorno al garage in questione, di proprietà di un uomo di Torremaggiore incensurato, ma dato in affitto ad uno dei quattro indagati. L’intuizione dei militari si è rivelata fondata ieri pomeriggio, quando i quattro sono stati bloccati armati - in auto sono state trovate tre pistole con matricola abrasa, una calibro 9x21 e due revolver, tutte con colpo in canna - e pronti a travisarsi con maschera di gomma, cappellini e berretti, oltre a guanti in lattice.

I mezzi a bordo dei quali viaggiavano i quattro sono risultati entrambi rubati - si tratta di uno scooter Yamaha TMax, rubato a Pescara e di una Fiat 500L asportata nel Barese - e con targhe contraffatte. Sulle armi sequestrate, verranno effettuati al più presto accertamenti tecnici ad opera del Ris di Roma per individuare eventuali tracce di dna e per comprendere, attraverso comparazioni balistiche, se le stesse armi siano state utilizzate in recenti agguati o fatti di sangue. 

Una operazione importante sul campo della prevenzione dei reati, che solo per la freddezza e la lucidità dei carabinieri intervenuti non è sfociata in un conflitto a fuoco con i quattro indagati. Al momento, sono in corso indagini per capire chi fosse il potenziale obiettivo della presunta “spedizione punitiva”, e se questa fosse da inserirsi nella guerra di mafia in atto nei principali “feudi” del Foggiano.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Notizia al 99% falsa.. Non erano partiti a bordo dei mezzi.

  • *pineta e non pianeta (Maledetto correttore automatico)

  • Si si ottimo lavoro, però stranamente non vedono e non seguono altri personaggi(ai domiciliari)che escono e rubano i trattori tutti i giorni. E chiudono gli occhi sullo spaccio di droga in pianeta, nessuno li vede con i loro scooter a sfrecciare tra la gente nel vialetto. Mah

  • Ottimo lavoro!

  • Basta un rimedio 2 pregiudicati non possono incontrare o organizzare qualsiasi cosa,chi trasgredisce 3 anni di carcere!!!!

  • la risposta da parte delle forze dell'ordine non si è fatta attendere...il problema sarà di mantenere questi standard costantemente per i giorni a venire, altrimenti appena si abbassa la guardia, le M.E.R.D.E. riprenderanno le loro attività con maggior vigore.

  • Tutto questo per poi trovare un avvocato che trovi il cavillo per buttarli fuori semmai dicendo che le maschere e i fucili erano per una festa di carnevale organizzata sul posto e i giudici corrotti o minacciati dagli stessi abboccano!
    Cambiare le leggi renderle più efficaci in questi casi pene dure e senza sconti pane e acqua nelle carceri basta pietà per queste M e r d e

    • Il problema non è rappresentato dagli avvocati, che in fondo svolgono il loro lavoro, anche se in "certi casi", ben remunerato. Il problema è il comportamento dei giudici, che molto spesso, per varie motivazioni, sono di manica larga. Molto larga.

  • Mi associo al coro unanime ...tutte le aggravanti, nessuna attenuante e certezza della pena ...

  • gente con le p a l l e .... i Carabinieri. bravi continuate così...

  • Ora ci penserà qualche buon avvocato ed il magistrato incaricato a vanificare l'operato dei Carabinieri. Rimetteteli in libertà subito, mi raccomando.

  • complimenti ai Carabinieri ben fatto ora tocca a chi li deve tenere a marcire in carcere.

  • Grandi cc!

Notizie di oggi

  • Economia

    Canoni di locazione, tirano un sospiro di sollievo le famiglie foggiane: ecco i mandati di pagamento

  • Politica

    VIDEO | Vita da comitato in Corso Giannone: il PD foggiano punta sul fattore 'P'

  • Cronaca

    Evade dai domiciliari per andare a una festa: in carcere l’uomo che aggredì il vicepreside della ‘Murialdo’

  • Cronaca

    Ai domiciliari per detenzione di armi, girava in auto per le vie del centro: in carcere 33enne

I più letti della settimana

  • Omicidio a Troia: marito accoltella e uccide moglie, poi tenta il suicidio

  • Ciao Federica, non ti dimenticheremo mai…

  • In fuga contromano tra le vie di Foggia: inseguiti dai carabinieri si schiantano contro un'auto

  • Quattro omicidi in un anno: su Rai 3 il ‘Romanzo Criminale’ che ha terrorizzato la Capitanata

  • Arrestato l’uomo che ha aggredito il docente della ‘Murialdo’ di Foggia

  • I genitori foggiani della ‘Murialdo’ dopo l’aggressione: “Basta giustificare i figli e colpevolizzare i docenti”

Torna su
FoggiaToday è in caricamento