Ragazza immobilizzata, picchiata e violentata a Foggia: arrestati nigeriani

La violenza sessuale si è consumato il 4 settembre scorso presso la pista del Cara di Borgo Mezzanone. La vittima, trasportata al pronto soccorso, era stata poi ricoverata presso il reparto di neurochirurgia

I due nigeriani arrestati

Jeremiah Omomoh a Ahmed Shaban, nigeriani di 26 e 27 anni, sono stati arrestati dalla Polizia di Stato a seguito di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Foggia – Sezione GIP il 3 ottobre con l’accusa di violenza sessuale di gruppo. Il primo è stato rintracciato ieri presso l’ex pista del Cara di Borgo Mezzanone dal personale della II Sezione Criminalità Diffusa, Straniera e Prostituzione della Squadra Mobile, mentre Shaban a Lecce con l’ausilio della Squadra Mobile del posto: entrambi erano domiciliari presso la baraccopoli ubicata nell’area estera al Centro D’Accoglienza Richiedenti Asilo denominata ‘ex pista’.

La 20enne vittima di violenza sessuale di gruppo

I fatti risalgono al 4 settembre scorso quando una donna ventenne, connazionale dei due arrestati, era stata aggredita e violentata. La vittima, giunta in Italia nel mese di maggio 2017 via mare dalla Libia con scalo a Lampedusa,  si era successivamente trasferita  in un centro di accoglienza per rifugiati di Torino, dove era rimasta per circa due settimane, prima di allontanarsi arbitrariamente a Borgo Mezzanone agli inizia di agosto.

Due giorni dopo l’aggressione  ha denunciato presso la Questura di Foggia che, dopo aver deciso di abbandonare l’attività di meretricio esercitata in precedenza per bisogno economico, il 4 settembre era stata avvicinata dal  27enne, che le aveva proposto un rapporto sessuale. La vittima si era rifiutata, come aveva rifiutato anche la richiesta dell’uomo di seguirlo a Lecce per continuare l’attività di meretricio.

Al secondo rifiuto, con l’aiuto di Omomoh, l’ha afferrava impedendole di scappare e abusando di lei sessualmente,  usando violenza e colpendola al volto con pugni e schiaffi.  Neanche le urla della donna avevano fatto desistere i due connazionali dalla violenza che si stava perpetrando nei suoi confronti. Per farla tacere l’Ahmed le aveva messo una mano sulla bocca e l’altra  intorno al collo, facendole perdere i sensi per qualche istante.

La vittima, trasportata in pronto soccorso, era stata poi ricoverata presso il reparto di neurochirurgia ospedaliera.  La Polizia di Stato prosegue il suo incessante lavoro a tutela delle donne che subiscono violenza, ponendosi al fianco di coloro che con la denuncia compiono un passo verso la cultura del rispetto.  

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Aiutiamoli, integriamoli, i.ncendiamoli

  • Si nota un sorrisetto sarcastico, su quello di sinistra, sara’ xche’ ha gia’ capito come funziona la giustizia in Italia?

  • Io conosco gentaglia del PD, che si veste da povero quando deve fare una manifestazione a favore Dell integrazione.ma poi tornano a casa e hanno la servitù... Con i nostri soldi!!!

  • Quando la lega era al governo gli sbarchi c'erano come adesso,in effetti lo ius soli è per gli extra che sono in ITALIA,CON IL GOVERNO lega forza Italia

  • Salvini, solo tu ci puoi salviare

  • Schifo..si tornate al vostro paese..siete scimmie!!! Io vi spedirei in turchia per questi reati entrate che siete maschi uscirete che siete femmine!!!

  • I panni sporchi....si lavano in famiglia ...se era una bianca e di famiglia "particolare" i neri stavano già appesi

  • %censored%i tutto il pd e chi li vota a sti cess

    • Il PD li ha voluti non per integrarli,al contrario!!!!in pratica noi italiani dobbiamo parlare degli extra mentre loro fanno man bassa di tutto!!!!!

  • grazie pd x la %censored%a che importate nelle nostre città. rimandateli a casa a sti %censored%

    • Tanto non schiattano, sti pezzi di %censored%a!!!!

  • E pensare che in questi giorni i piddiani fanno lo sciopero della fame per lo ius soli......

    • Spero muoiano di fame durante lo sciopero !!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    VIDEO | La storia di Ivana: dal matrimonio con figlio alla scoperta dell'omosessualità

  • Cronaca

    Dai furti alle aggressioni, famiglia di agricoltori foggiani chiede aiuto: “Abbiamo paura”

  • Cronaca

    VIDEO | Sentenze certificano i metodi mafiosi sul Gargano. Aquilio agli imprenditori: "Denunciate"

  • Incidenti stradali

    Incidente mortale sulla Circonvallazione di Foggia: perde la vita ragazza di 27 anni

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla Circonvallazione di Foggia: perde la vita ragazza di 27 anni

  • Omicidio a Troia: marito accoltella e uccide moglie, poi tenta il suicidio

  • Ciao Federica, non ti dimenticheremo mai…

  • In fuga contromano tra le vie di Foggia: inseguiti dai carabinieri si schiantano contro un'auto

  • Quattro omicidi in un anno: su Rai 3 il ‘Romanzo Criminale’ che ha terrorizzato la Capitanata

  • Evade dai domiciliari per andare a una festa: in carcere l’uomo che aggredì il vicepreside della ‘Murialdo’

Torna su
FoggiaToday è in caricamento