"Fratelli in affari" nascondono e coltivano droga nel garage: due arresti a Mattinata

Arrestati due fratelli, rispettivamente di 23 e 25 anni. Segnalati all'Autorità competente altre due persone quali assuntori di droghe

Una delle piante sequestrate

Detengono e coltivano droga nel garage, i carabinieri arrestano due fratelli di Mattinata. Alle prime ore del mattino di domenica scorsa, i Carabinieri della Stazione di Mattinata hanno tratto in arresto due fratelli, C.M. e C.G., rispettivamente di 23 e 25 anni, entrambi mattinatesi ed incensurati, per il reato di illecita detenzione e coltivazione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio, segnalando all'Autorità amministrativa altre due persone, sempre di Mattinata, quali assuntori di droghe.

I due arresti scaturiscono da un mirato servizio di prevenzione e repressione del traffico illecito degli stupefacenti, operato dai Carabinieri della locale Stazione, anche sulla base delle segnalazioni raccolte da alcuni residenti e suffragate poi da riservati servizi di osservazione svolti nel tempo. La notte tra sabato e domenica scorsi, dunque, avendo notato la presenza di persone nei pressi del garage di pertinenza dell’abitazione dei due giovani mattinatesi, i Carabinieri hanno proceduto al loro controllo, poi approfondito con perquisizioni personali e locali, accertando così la detenzione, da parte loro, all’interno del garage, di circa 120 grammi di marijuana, in parte già confezionata in dosi, di 77 grammi di hashish e di una pianta di marijuana, nonché di una serra artigianale con tanto di impianto di irrigazione ed illuminazione per la coltivazione di piante di marijuana.

All’interno del box auto sono stati sorpresi anche due giovani assuntori di stupefacenti, lì recatisi per acquistare la droga, e trovati in possesso di uno spinello e di una dose di hashish, che sono quindi stati segnalati alla Prefettura di Foggia per l’avvio delle previste conseguenze amministrative. I due ragazzi, dunque, sono stati arrestati e tradotti dai Carabinieri nel Carcere di Foggia, a disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, mentre la droga e la serra artigianale sono state poste sotto sequestro. Nella giornata di lunedi il Giudice del Tribunale di Foggia ha convalidato l’arresto dei due fratelli, che hanno entrambi patteggiato la pena di un anno e sei mesi di reclusione, oltre alla multa di 4000 euro ciascuno.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento