Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

Sono accusate di aver smaltito illecitamente i rifiuti pericolosi. L'ordinanza è stata emessa dal gip del tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica - Direzione distrettuale antimafia (Dda)

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico (Noe) di Bari e del Comando provinciale di Foggia, dalle prime luci dell'alba di oggi stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di sei persone accusate di aver illecitamente smaltito, riempiendo avvallamenti naturali del terreno, rifiuti pericolosi e non all'interno dell'area protetta del Parco Nazionale del Gargano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aggiornamenti, nomi e dettagli

Le indagini sono nate durante l'attività investigativa del quadruplice omicidio di san Marco in lamis​. L'ordinanza è stata emessa dal gip del tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica - Direzione distrettuale antimafia (Dda), nell'ambito dell'operazione 'Black cam'. Ulteriori particolari saranno forniti nel corso di una conferenza stampa prevista per le 10:30 odierne presso la Procura di Bari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

  • Chiudono le pompe di benzina e gasolio: si comincia da mercoledì: "Da soli non ce la facciamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento