Sorpreso con alcune dosi di hashish, con il fratello aggredisce poliziotti: arrestati

In manette, al quartiere Candelaro, i fratelli Vincenzo ed Emilio Fiore. Il primo risponderà di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, spendita di monete falsificate e, in concorso con il fratello, di lesioni, violenza, minaccia, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale

Immagine di repertorio

Due fratelli sono stati arrestati dagli agenti del Reparto Prevenzione Crimine, a Foggia. Si tratta dei fratelli Vincenzo, di 24 anni, ed Emilio Fiore, di 30, il primo trovato in possesso di alcune dosi di sostanza stupefacente, l’altro accusato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale per essersi scagliato contro gli operatori in difesa del fratello minore.

Il fatto è avvenuto nella giornata di sabato, lungo via San Severo, al Rione Candelaro. Nel corso della quotidiana attività di prevenzione e controllo del territorio, gli uomini del Reparto Prevenzione Crimine di Vibo Valentia hanno fermato due persone a bordo di un’auto che all’alt polizia hanno tentato di darsi alla fuga gettando dal finestrino un involucro, recuperato prontamente dagli operatori e contenente circa 22 grammi di hashish diviso in 16 dosi racchiuse singolarmente.

Alla guida del mezzo vi era Vincenzo Fiore che, in un primo momento, ha disconosciuto la proprietà della sostanza stupefacente per poi confermarla; a seguito di perquisizione, nelle tasche del pantalone è stata rinvenuta la somma di 245 euro suddivisa in banconote di vario taglio. Al momento del rinvenimento e conseguente sequestro del denaro, Fiore ha iniziato ad inveire contro gli operatori minacciandoli di morte. Si è proceduto ad estendere la perquisizione anche all’abitazione dello stesso, nella cui stanza è stata rinvenuta, all’interno della tasca di un gilet, la somma di 700 euro divisa in banconote di vario taglio, mentre in altro gilet, è stata rinvenuta una banconota da 20 euro verosimilmente contraffatta.

Nel corso della perquisizione, è giunto anche il fratello Emilio e facendosi forte della presenza di quest’ultimo, i due si sono scagliati insieme contro gli operatori minacciandoli e scagliandosi contro di loro dando origine ad una colluttazione, nel corso della quale tre agenti riportavano lesioni; il minore dei due, peraltro, ha tentato di lanciarsi dalla finestra del bagno ma è stato immediatamente bloccato dagli agenti che si sono visti costretti a chiamare rinforzi per continuare l’attività di Polizia Giudiziaria. Anche Emilio ha tentato di fuggire per le scale ma si è trovato di fronte gli agenti intervenuti in ausilio.

I due fratelli sono stati tratti in arresto e messi a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia. Incessante l’attività di prevenzione e repressione dei reati da parte degli equipaggi della Polizia di Sato in città, con particolare attenzione a tutto il  centro cittadino e ai quartieri maggiormente degradati. Vincenzo risponderà di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, spendita ed introduzione nello Stato di monete falsificate e, in concorso con il fratello Emilio, di lesioni, violenza, minaccia, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Figlio va a trovare il padre (boss di Foggia), introduce droga e micro-cellulari nel carcere di massima sicurezza: arrestato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento