Coltivavano marijuana in una masseria: due arresti a Volturara Appula

Colti in flagranza di reato mentre annaffiavano una pianta ci Cannabis. Trovate e sequestrate anche 10 cartucce calibro 9 da guerra, 3 calibro 12 da cacca, un bastone animato e un bilancino di precisione

Materiale sequestrato

Un 58enne e un 30enne di Volturara Appula sono stati arrestati nell’ambito di una serie di controlli del territorio per la repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti. Sono stati colti in flagranza di reato mentre annaffiavano una pianta di Cannabis Sativa alta circa 1,5 metri e posizionata all’ingresso del giardino della masseria di proprietà di F.A.

La successiva perquisizione avvenuta all’interno dell’abitazione ha portato alla scoperta da parte dei carabinieri del posto di 10 cartucce calibro 9 da guerra, 3 cartucce calibro 12 da caccia, un bastone animato e un bilancino di precisione.

Tutto il materiale è stato sequestrato e i due sono stati tradotti presso la casa circondariale di Lucera con l’accusa di coltivazione di marijuana e detenzione illegale di armamenti.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento