Preso il commando che assaltò portavalori nel Pisano: otto cerignolani 'traditi' da una 'ViaCard'

Il blitz messo a segno all’alba di oggi, tra Cerignola, Firenze e Stornara, coinvolgendo gli investigatori delle Squadre Mobili di Foggia, Firenze, Pisa e Ancona, nonché del commissariato di Cerignola, con il coordinamento dello SCO

La conferenza stampa

Un violento assalto a due blindati della ditta BTV Mondialpol adibiti a trasporto valori, uno dei quali contenente circa 6 milioni di euro. Un’azione paramilitare, che di fatto paralizzò il traffico autostradale dell’A12, all’altezza di Fauglia, nel Pisano, e nel quale vennero esplosi oltre 170 colpi, tra pistole, fucili e kalashnikov. Undici mesi dopo l’assalto (fallito), messo a segno in Toscana, la polizia ha arrestato otto soggetti, tutti pregiudicati di Cerignola, ritenuti membri del commando specializzato nella commissione di questi tipi di reati. Risponderanno a vario titolo dei reati di tentata rapina, porto abusivo di arma da fuoco, ricettazione e riciclaggio. Il blitz è stato messo a segno all’alba di oggi, tra Cerignola, Firenze e Stornara, coinvolgendo gli investigatori delle Squadre Mobili di Foggia, Firenze, Pisa e Ancona, nonché del commissariato di Cerignola, con il coordinamento e la partecipazione diretta del Servizio Centrale Operativo. 

Assalto portavalori: i nomi degli otto arrestati

L'operazione: video, interviste e intercettazioni

Pioggia di proiettili in A12, autostrada paralizzata

Quello dello scorso 30 settembre 2016 fu un episodio che scosse profondamente la zona del Pisano: oltre 170 furono i colpi esplosi con pistole, fucili e kalashnikov esplosi nel fitto conflitto a fuoco che i banditi ingaggiarono con le guardie giurate che scortavano i carichi di denaro. Nel dettaglio, il commando - simulando l’appartenenza alle forze di polizia con falsi lampeggianti e dispositivi di segnalazione manuale, ha bloccato l’autostrada A12 tra Rosignano (Li) e Collesalvetti (Li) - paralizzò oltre 10 km di autostrada, in entrambi i sensi di marcia, costringendo gli ignari automobilisti in transito a scendere dalle proprie auto e posizionando le vetture in modo da chiudere di fatto l’arteria autostradale, già disseminata di chiodi a quattro punte. L’assalto vero e proprio si è consumato all’interno di una galleria, dove i mezzi sono stati crivellati con decine di colpi di arma da fuoco. Un “errore tecnico” ha impedito che la rapina milionaria fosse consumata: nel momento in cui i malviventi hanno tagliato la lamiera del blindato, hanno reciso, per errore, un’area che attiva il sistema spuma-block, che ha reso inutilizzabile il flessibile in uso.

Una “ViaCard” ha indirizzato le indagini verso la Puglia

E’ stata una “ViaCard” utilizzata per pagare il pedaggio in autostrada, recuperata all’interno di una delle auto utilizzate per l’assalto, ad indirizzare le indagini verso la Puglia: era stata acquistata, insieme ad altre analoghe, in un autogrill del basso Tavoliere, e poi utilizzate pochi giorni prima del colpo per trasportare auto e verosimilmente armi dalla Puglia alla Toscana, più precisamente dal casello di Canosa a quello di Firenze Scandicci. La rapina-assalto, dunque, era stata pianificata nei minimi dettagli da un gruppo ben strutturato ed organizzato, specializzato in questo tipo di reati. Le prime indagini – suffragate da intercettazioni, analisi dei traffici telefonici e analisi sulle tracce degli penumatici - hanno portato gli investigatori ad individuare il possibile luogo di partenza dei rapinatori nella zona del foggiano. A supporto di questa ipotesi investigativa, la presenza – stanziale o temporanea – di alcuni indagati lungo il litoraneo tirrenico nelle settimane precedenti il colpo, allo scopo di effettuare sopralluoghi e monitorare gli spostamenti dei blindati. 

Perquisizioni a Cerignola, polizia sventa ulteriore assalto

Nell’ambito della medesima operazione, durante la notte, sono state eseguite numerose perquisizioni, a Cerignola, a carico di sette soggetti e due autoparchi nell’ambito delle quali la polizia ha sequestrato giubbotti anti-proiettili, armi, jammer e altri elementi utilizzati per la commissione di questo tipo reato. E’ forte, negli investigatori foggiani, quindi, la convinzione che l’operazione odierna abbia, di fatto, sventato un ulteriore assalto a portavalori, questa volta programmato nella zona del basso Tavoliere. Al vaglio degli inquirenti, la possibilità che il gruppo - alcuni nomi ritornano nelle pagine dell’inchiesta relativa all’assalto da film alla NP Service di Foggia - possa aver messo a segno altri colpi in altre zone della Penisola. Le perizie balistiche eseguite sulle armi, in particolare, hanno dimostrato che le stesse sono state utilizzate almeno in altre tre rapine-assalti. Nell’ambito delle indagini, sono stati attivamente coinvolti gli agenti della squadra mobile di Ancona alla luce di evidenti convergenze investigative con un analogo episodio, messo a segno nel settembre 2015, sull’autostrada A16. Non si esclude che ad agire, anche in quel caso, possa essere stata la stessa banda.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento