menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Rapina all’Eurospar di Apricena: gli arrestati traditi da berretto e tatuaggio

Hanno approfittato di un permesso concesso dal centro di recupero di cui erano ospiti. Uno ha perso il berretto per strada mentre i capi della rapina sono stati trovati in un cesto

Un'immagine della rapina

Sono stati convalidati dal Tribunale dei Minori di Bari i due 16enni arrestati ad Apricena con l’accusa di aver rapinato l’Eurospar di via Vostok.

I due,ospitati in una comunità di recupero per minori nella “città della cava e della pietra”, hanno compiuto il colpo durante le ore di permesso concesse dal centro. Erano travisati da passamontagna e armati di una pistola.

Dopo aver minacciato clienti e commesse, poi prelevato qualche centinaio di euro dalle casse, sono fuggiti a piedi per le vie del paese. Ad incastrare i due malviventi sono stati i video di sorveglianza dell’esercizio commerciale,

Le indagini, condotte dai  carabinieri del Nucleo Operativo della  compagnia dell’Arma di San Severo e della locale stazione, sono partite proprio da quelle immagini e da un berrettino perso sulla strada da uno dei malfattori in fuga, in un tragitto prossimo ad una comunità per minori dove sono ospitati ragazzi con precedenti specifici e già alle noti Forze dell’Ordine.

In particolare le indagini si sono subito strette intorno ai due, usciti in un orario compatibile con quello della rapina. I sospetti sui due sono diventati certezze quando, nel corso di una perquisizione effettuata all’interno della comunità, gli uomini in divisa hanno trovato in un cesto gli stessi capi d’abbigliamento utilizzati dai due rapinatori.

Ad incastrare uno dei due anche un piccolo tatuaggio sul polso destro, notato dagli investigatori durante la visione delle immagini degli apparati di videosorveglianza.  

Gli ulteriori sviluppi dell’indagine hanno permesso inoltre di rinvenire la somma di 400 euro provento della rapina, nonché la pistola a salve e i passamontagna utilizzati dai minori, che erano stati nascosti in una strada prossima all’esercizio commerciale rapinato.

Il Gip del Tribunale per i Minorenni di Bari , preso atto delle risultanze investigative acquisite dai militari dell’Arma, ha quindi convalidato i fermi disponendo che i due giovani rapinatori fossero trattenuti presso l’Istituto Minorile Fornelli di Bari.

 

Potrebbe interessarti

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di gianni
    gianni

    Spero che questi giovanotti vengano sbattuti in carcere per lunghissimo tempo! Non come i rapinatori di Torremaggiore...che sono tutti liberi!!!

    • no non li faranno nulla.. come sempre. che tristezza

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Shock a Manfredonia: trovato cadavere in spiaggia

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale a Cerignola: auto contro un trattore sulla Statale 16 bis

  • Cronaca

    Scoppia incendio agli Ospedali Riuniti: fiamme e fumo, panico in reparto

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale alle porte di Foggia: schianto in via Trinitapoli, grave una donna

Torna su