Angelo e Napoleone Cera: il Tribunale del Riesame ridimensiona il reato di imputazione, ma conferma i domiciliari

Inchiesta Foggia, il Tribunale del Riesame ha confermato i domiciliari per Angelo e Napoleone Cera. Riqualificato il reato da tentata concussione in induzione indebita

Il Tribunale del Riesame di Bari ha confermato gli arresti domiciliari, di Angelo e Napoleone Cera riqualificando però il reato di imputazione. I giudici hanno infatti riqualificato il reato contestato, da tentata concussione (317 cp) in tentata induzione indebita a dare o promettere utilità (319 quater cp).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quando un fatto di reato viene così drasticamente ridimensionato accogliendo parte delle ragioni della difesa - dichiarano i difensori dei Cera, gli avvocati Francesco Paolo Sisto e Michele Curtotti - ci si aspetta, quale logica conseguenza, quantomeno una tangibile attenuazione, se non la revoca, anche della misura cautelare. Così non è stato: tanto ci induce, oltre che ad attendere le motivazioni per il doveroso ricorso per Cassazione, a porre in essere ogni ulteriore iniziativa utile per restituire Angelo e Napoleone Cera ad una vita da liberi cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Palpeggia, solleva e stringe a sè ragazza in via Sabotino. Interviene la polizia. Cittadino denuncia: "Siamo stanchi"

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • Ragazza trovata morta nel bagno della sua stanza: la tragedia nella residenza universitaria Einstein di Milano

  • Uomo scomparso a Foggia, da 24 ore non si hanno più notizie. I familiari: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • Federica, la ricercatrice che combatteva contro le ingiustizie strappata alla vita da un aneurisma cerebrale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento