Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

"Ho paura di uscire". Parla la donna picchiata dai vicini di casa: "Mi riempiva di botte, in tre mi davano i calci"

L'intervista a Mihaiela Baltaretu, la donna aggredita dai vicini di casa il 4 dicembre scorso in zona Parco San Felice, per via di una colonia felina: "Vogliono cacciarmi e non vogliono i gatti"

 

Aggredita il 4 dicembre scorso dai vicini di casa per via di una colonia felina, Mihaiela Baltaretu, volontaria dell'associazione 'Guerrieri con la coda', ripercorre quei drammatici attimi, specificando che la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso e scatenato la furia della famiglia "nemica", sarebbe stata la chiusura di un cancelletto, che gli aggressori, stando al racconto della vittima, avrebbero giudicato come un affronto: "Avevano buttato il cibo che avevo dato ai gatti e lasciato aperto il cancelletto del giardino. Ho pensato di chiuderlo per evitare che entrassero i cani".

L'aggressione, avvenuta dopo una accesa ma breve discussione, si è consumata sull'uscio del portone di casa e poi nell'appartamento di Mihaiela: "Non ho avuto tempo di reagire e di difendermi, la vicina mi ha riempito di botte e buttato a terra, in tre mi tiravano i calci".

La proprietaria della colonia felina, "regolarmente denunciata", sostiene di essere stata aggredita con un mazzo di chiavi: "Ero tutta piena di sangue", ricorda con voce tremula, e aggiunge: "Vogliono che me ne vada"

Mihaiela ammette di aver paura di uscire di casa e di non riuscire più a dare da mangiare ai gattini: "Ho trovato un accendino sul cofano dell'auto, peraltro anche un po' graffiata. Mi hanno detto che i gatti devono sparire".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento