Agenti salvano un paziente del D’Avanzo che voleva suicidarsi

Il 71enne era ricoverato per problemi respiratori presso la struttura ospedaliera di viale Ofanto. I poliziotti lo hanno tratto in salvo attraverso un classico escamotage

Nella notte tra martedì e mercoledì, un anziano di 71 anni ricoverato al D’Avanzo di Foggia per problemi respiratori, ha tentato di lanciarsi nel vuoto da un cornicione del secondo piano della struttura ospedaliera di viale Ofanto.

I poliziotti che sono giunti sul posto hanno intuito subito la gravità della situazione, tant’è che hanno dato subito disposizioni sulle operazioni di salvataggio. Il 71enne minacciava di volersi togliere la vita.

Nonostante le ripetute raccomandazioni, un caffè e una sigaretta, l’anziano non ha desistito nemmeno quando uno dei medici ha tentato un finto svenimento. Intanto mentre un agente cercava di distrarre il paziente, un collega, legato con un cinturone ad altri due, è riuscito ad avvicinarsi all’uomo, ad afferrarlo e a trarlo in salvo.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Bara a Baia San Felice, è quella di Piccininno: il cantore riconosciuto dalle 'nacchere'

    • Cronaca

      Assalto notturno in pizzeria: armati di coltelli e pistola fuggono con l'incasso e rapinano anche clienti

    • Cronaca

      Armati di pistola rapinano Convì in via della Repubblica: terzo colpo in due mesi

    • Cronaca

      Bomba carta esplode dinanzi abitazione, la vittima: "Mai ricevuto minacce"

    I più letti della settimana

    • Inseguimento da film a Foggia: giovani su una Peugeot scappano e speronano auto della polizia

    • Incendio in via Arpi: prende fuoco noto ristorante giapponese

    • Uno fa il palo, l'altro 'l'apri-porta': presi i due complici della rapina di via Guareschi

    • Nel buio della notte tagliano saracinesca e svaligiano negozio. La titolare: “Vado avanti più forte di prima”

    • Shock a San Severo, tre rapine in pochi minuti. Il sindaco al Ministro: “Basta, ora ascoltaci!”

    • Morto a due anni e mezzo per una terribile malattia: così Emanuele diventa ‘Una storia felice’

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento