Chiesa e Prefettura riportano l’acqua all’ex Gran Ghetto: i braccianti hanno la meglio sulla Regione

Lo conferma il vicesindacalista nazionale USB, Aboubakar Soumahoro. Mons. Pelvi avrebbe chiamato la Regione, mentre il Prefetto avrebbe scritto un messaggio urgente all’Acquedotto Pugliese

I braccianti agricoli con Mons. Pelvi

Hanno ottenuto il ripristino dell'erogazione dell'acqua, sospesa lo scorso 16 settembre, i circa duemila braccianti che sono tornati a vivere nelle zone adiacenti l'ex Gran Ghetto. Sebbene l'assessore regionale all'agricoltura, Leonardo di Gioia, smentisca in queste ore lo sbandierato accordo con l'Usb (alla presenza anche, nel luglio scorso, dell'assessore al lavoro Sebastiano Leo, e del dirigente Roberto Venneri), e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano faccia sapere che nessuna cisterna tornerà in quei luoghi, per i quali si profila un nuovo sgombero, l'intermediazione stamani dell'arcivescovo di Foggia, mons. Vincenzo Pelvi, ha prodotto l'atteso risultato.

La video-protesta: "Non siamo carne da macello"

Lo conferma il vicesindacalista nazionale USB, Aboubakar Soumahoro, colui che questa mattina ha guidato la protesta in Cattedrale, a Foggia, culminata in una lettera a Papa Francesco: “Il vescovo Pelvi in prima persona ha chiamato la Regione per chiedere il ripristino di condizioni umane nell’ex Gran Ghetto, a partire dalla fornitura di acqua. Per parte sua il prefetto ha scritto un messaggio urgente all’Acquedotto Pugliese per chiedere la riattivazione della fornitura” fa sapere Soumahoro.

Non solo, perché “i delegati USB hanno al tempo stesso ottenuto la garanzia di un piano per la sistemazione abitativa nelle campagne, piano che sarebbe all’esame della Regione ma che nessuno ha ancora potuto vedere. Il prefetto Mariani ha garantito che sarà sua premura chiedere agli uffici di Emiliano l’impegno a valutare con USB le specifiche di questo piano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Altro impegno preso ufficialmente dal prefetto, l’invio di una nota alla Regione Puglia per chiedere che si torni a discutere con l’Unione Sindacale di Base l’attuazione dei contenuti dell’accordo del 31 luglio” (quelli smentiti in queste ore da Di Gioia). Pelvi è stato anche invitato all'ex Gran Ghetto per il prossimo 4 novembre (lo stesso ghetto per il quale sarebbe pronto un nuovo sgombero e sempre che, appunto, esista ancora fino a quel momento), quando i braccianti si riuniranno in un assemblea nel 60^ anniversario delle morte di Giuseppe Di Vittorio, storico sindacalista cerignolano. Le istituzioni, la Chiesa e la difficile strada verso la legalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Un regalo di nozze agli sposi dalla Regione Puglia: "Se non rimandate il matrimonio all'anno prossimo"

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • "Mariti avevano detto alle mogli di andare a Medjugorie ma erano a ballare la salsa con delle ventenni"

  • Straordinario traguardo in Puglia: dal tampone di paziente foggiano isolato e sequenziato genoma di due virus Sars Cov 2

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

Torna su
FoggiaToday è in caricamento