Abusivismo edilizio, la Puglia segue l'esempio di Foggia: "Accordi tra Procure e Comuni per gli abbattimenti"

Insediato il Tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto all’abusivismo edilizio in Puglia. Nel solo 2019 sono 14 i Comuni che hanno presentato alla Regione Puglia richiesta di fondi (7,6 milioni di euro) per procedere con l’abbattimento di immobili dichiarati abusivi con sentenza definitiva

Immagine di repertorio

Un Tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto all’abusivismo edilizio in Puglia. È quello che si è insediato ieri mattina, a Bari, nella sede dell’assessorato alla Pianificazione Territoriale. L’iniziativa, voluta dall’assessore Alfonso Pisicchio, con la partecipazione di tecnici regionali, rappresentanti delle Procure e di Anci Puglia, è finalizzata al monitoraggio puntuale sul fenomeno, con particolare attenzione alla situazione dei Comuni che ricadono in parchi nazionali e in aree di rilevante interesse naturalistico e paesaggistico o sottoposte a particolari vincoli.

Nel solo 2019 sono 14 i Comuni che hanno presentato alla Regione Puglia richiesta di fondi – per un fabbisogno totale di 7,6 milioni di euro – per procedere con l’abbattimento di immobili dichiarati abusivi con sentenza definitiva. “E grazie ai protocolli d’intesa già sperimentati con alcune Comuni e alcune Procure – spiega l’assessore Pisicchio – vogliamo replicare queste collaborazioni anche nelle altre aree. Ad esempio a Foggia la Procura e il Parco nazionale del Gargano hanno avviato una proficua collaborazione per la demolizione di immobili e ruderi abusivi ricadenti in Comuni rientranti nel parco. Con Anci Puglia intendiamo invece avviare una campagna di sensibilizzazione per il monitoraggio costante dell’abusivismo edilizio, anche grazie alla creazione di un’apposita banca dati regionale in cui saranno raccolti i dati inseriti direttamente dai Comuni e trasmessi telematicamente,  semplificando moltissimo il lavoro di ricognizione. E devo dire che, purtroppo, sono ancora pochi i Comuni che utilizzano questo importante sistema telematico”.

“Sappiamo benissimo – aggiunge Pisicchio - che i fondi regionali per il sostegno alle demolizioni sono esigui (al momento ammontano a 250mila euro e per questo nel prossimo bilancio cercheremo di incrementare le risorse con un ulteriore milione di euro), così come siamo consapevoli delle difficoltà, economiche e di risorse umane, che incontrano i Comuni nel dare esecuzione agli ordini di abbattimento, ma non per questo dobbiamo abbassare la guardia. Il nostro intento non è solo quello di attivare forme repressive, ma soprattutto accompagnare gli enti locali ad azioni che prevengano forme di illegalità diffusa. Ecco perché occorre immaginare nuove forme di collaborazione e di sensibilizzazione anche, ad esempio, con il coinvolgimento della polizia regionale di vigilanza ambientale, di Arif e delle polizie provinciali e della Città Metropolitana di Bari, per monitorare meglio il fenomeno che ha ricadute negative sul rispetto della legalità, dei vincoli e del paesaggio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale, auto esce fuori strada e si schianta contro un albero: muore 44enne

  • Tenta il suicidio, sospeso nel vuoto tra il balcone e l'asfalto perde i sensi: figlio, vicino, carabinieri e 115 gli salvano la vita

  • Terremoti, la Capitanata zona a rischio. Gargano fu devastato da uno tsunami. "A Foggia due edifici su tre non sono a norma"

  • Grave incidente stradale sulla Statale 16: tenta inversione a 'U' e prende in pieno un'auto, 4 feriti

  • Grave incidente stradale in A14: sei feriti in tre tamponamenti, grave un uomo di Manfredonia

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

Torna su
FoggiaToday è in caricamento