Ultima ora | Ruspe in azione sulla 'pista': centinaia di uomini in azione, nuovi abbattimenti a Borgo Mezzanone

Previsto in mattinata l'abbattimento di una quarantina di baracche, tra abitazioni di fortuna e manufatti con varia destinazione d'uso. L’attività, coordinata dalla Procura dauna, costituisce il quarto atto dell’operazione “Law and Humanity”

Immagine di repertorio

Nuova tranche di 'abbattimenti controllati' nel ghetto di Borgo Mezzanone. Le ruspe tornano a fare capolino nell'insediamento abusivo sorto negli anni lungo l'ex pista dell'aeronautica militare e diventato una vera e propria cittadella abusiva di migranti, regolari e non.

Dalle prime informazioni raccolte, in mattinata si procederà all'abbattimento di una quarantina di baracche (tra abitazioni di fortuna e manufatti con varia destinazione d'uso). L’attività, coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia, costituisce il quarto atto dell’operazione “Law and Humanity”, iniziata lo scorso 20 febbraio, proseguita poi il 27 marzo e il 17 aprile, con l’abbattimento di quei luoghi ritenuti dagli inquirenti base per attività criminali (sfruttamento della prostituzione e spaccio di droga) o attività illecite (case a luci rosse, locali notturni con annesso spaccio di alcolici, bazar).

Per portare a termine l'operazione, saranno coinvolte centinaia di uomini delle forze dell’ordine, tra polizia, carabinieri, finanza, esercito e vigili del fuoco. Con l'attività odierna si giungerà all'abbattimento di un quinto circa dell'intera area-ghetto. Obiettivo dichiarato dal procuratore capo Ludovico Vaccaro è lo "smantellamento totale della pista", ritenuta “una piaga del territorio, un 'bubbone', una situazione di illegalità che costituisce il serbatoio di altre illegalità”. Nuovi abbattimenti saranno previsti a settembre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Violenti scontri nel Foggiano: tafferugli tra baresi e leccesi sulla A16, incendiato un veicolo

  • Tentato omicidio davanti a un bar, estrae pistola e apre il fuoco per un debito di droga: fermato pregiudicato

  • Coronavirus, negativi i test su tutti i casi sospetti in Puglia

  • Coronavirus, afflussi limitati a Casa Sollievo della Sofferenza: sospese tutte le visite di pellegrini e parenti dei degenti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento