I volontari LNDC di Vieste premiati a Gubbio: il progetto ‘Zero cani in canile’ miglior pratica di lotta al randagismo

Grande successo al ‘Gubbio Dog Friend’ per il progetto che sta diffondendosi in tutta Italia, e che per Pasqua sarà presentato anche in Sicilia, dove il randagismo è ancora una grande piaga

Premiati  al "Gubbio Dog Friend" nella Sala Trecentesca del comune di Gubbio i volontari LNDC di Vieste per il progetto "Zero cani in canile" che é  stata ritenuta la pratica più efficace di lotta al randagismo in Italia.

A ritirare il Premio insieme all'ideatrice Francesca Toto, Alfonso Rucci della polizia Municipale e rappresentate della task force delle Forze dell'ordine del Comune di Vieste. Tra i premiati oltre a Marco Strano, criminologo e Fabrizio Caira,  Unità cinofila dei VV.FF., anche Giorgio Panariello che ha avuto parole di apprezzamento  per il progetto che si sta diffondendo in tutta Italia ed ha realizzato un video in cui si impegna a favorirne la diffusione. Per Pasqua il progetto sarà presentato in Sicilia, dove il randagismo è una grande piaga.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento