Incidenti e morti sulle strade foggiane del Caporalato: la Regione mette 100mila euro per il trasporto dei braccianti

Dovrebbe prendere corpo il progetto sperimentale di trasporto dei braccianti agricoli dell'amministrazione provinciale

Foto di repertorio

100mila euro all'amministrazione provinciale di Foggia per la realizzazione di un progetto sperimentale di trasporto dei braccianti agricoli da attuare in Capitanata, terra interessata dal fenomeno del caporalato.

La misura è stata approvata oggi dalla Giunta regionale dopo le due tragedie dello scorso anno in cui hanno perso la vita 16 lavoratori, quella allo svincolo di Ripalta a Lesina in cui morirono 12 persone e quello al bivio tra Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri che costò la vita a quattro persone.

Un altro terribile sinistro si è verificato il 6 giugno quando sulla strada tra San Marco in Lamis e San Severo, vicino Rignano Garganico, un'auto è uscita fuori strada e si è ribaltata provocando la morte di due dei quattro occupanti.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento