Quella del taglio dei pini di via Napoli "è l'ennesima strage". Miccolis: "Molti dei 101 alberi potevano essere salvati"

Il commento di M. Gabriella Miccolis, presidente della delegazione di Foggia del Coordinamento Nazionale per gli Alberi e il Paesaggio in merito all'abbattimento dei pini in via Napoli

Nonostante i chiarimenti del sindaco Franco Landella, la delegazione di Foggia del Coordinamento Nazionale degli alberi e del paesaggio, nella persona del presidente M. Gabriella Miccolis, interviente sulla questione del taglio dei pini di via Napoli:

"Mentre la città di Foggia si riempie di manifesti elettorali in cui la maggior parte delle candidate e dei candidati si impegna a realizzare una città più bella e più vivibile, pochi di loro parlano della ennesima strage di alberi che si sta compiendo in via Napoli.

Oltre ai primi pini già tagliati, ci è giunta notizia che il fitopatologo dott. Michele Fede ha prescritto il taglio di tutti i 101 pini domestici della strada nell’ambito dei lavori di rifacimento di 560 metri della strada finanziati per un importo di 590.000 euro ( il dott. Fede è lo stesso esperto che decretò i tagli di “piazza Euronics” in viale Michelangelo la scorsa primavera).

Il fitopatologo, dopo aver eseguito l’analisi strumentale a carico di ogni albero, prescrive la sostituzione di tutti e 101 pini domestici con alberi ad apparato radicale più profondo.

L’associazione Conalpa ritiene che molti tra i 101 pini di via Napoli potessero essere salvati, e che le condizioni del manto stradale in prossimità del filare centrale fossero soddisfacenti. Tesi convalidata da altre perizie effettuate in questi mesi da tecnici incaricati dal Comune! Allora perché non si è mantenuto almeno il filare centrale limitando l’abbattimento agli esemplari posti sui marciapiedi laterali in condizioni più problematiche? Quanti anni via Napoli dovrà attendere per avere nuovamente ombra, frescura e assorbimento dell’anidride carbonica? Probabilmente dieci o vent’anni! Studi affermati ci dicono che è possibile convivere in città con i pini con le giuste cure e manutenzione, pini che sono già presenti e assolvono a questi compiti troppo spesso sottovalutati ma importantissimi per la salute e la qualità dell’aria che respiriamo.

Quanti alberi in un anno sono stati tagliati a Foggia solo nell’ultimo anno? E quanti sono stati sottoposti a potature selvagge? Per far sentire la voce degli alberi, del bisogno della cittadinanza di rispetto dei suoi spazi verdi, si è costituita a Foggia la delegazione cittadina di Conalpa (Coordinamento Nazionale per gli Alberi e il Paesaggio), organizzazione no-profit che, in collaborazione con esperti, professionisti e associazioni, tende a promuovere l’educazione ambientale per sensibilizzare alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio storico-naturalistico italiano.

Primo passo della delegazione è stato proporre ai candidati sindaci per le imminenti elezioni amministrative alcune proposte per la cura e la gestione condivisa del verde cittadino, che alcuni candidati hanno accolto"

La Presidente M.Gabriella Miccolis

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento