Il Gambero Rosso premia un'eccellenza garganica: i gelati di Michel Draicchio sono tra i migliori d'Italia

Per il secondo anno consecutivo la gelateria di Peschici 'Michel' è stata inserita nella guida del Gambero Rosso

Michel Draicchio

Il Gambero Rosso premia di nuovo l'omonima gelateria di Michel Draicchio, per il secondo anno consecutivo l'attività di Piazza del Popolo a Peschici è stata inserita nella nota guida che esalta le eccellenze enogastronomiche dello Stivale.

Si legge: "Nel gelato di Michel Draicchio c'è una "missione" evidente più di tutto il resto: portare nel sottozero, sempre con creatività e ricerca di accostamenti inediti, i sapori più rappresentativi del Gargano. Se a questo si aggiungono il rispetto della stagionalità e l'artigianalità in ogni fase della lavorazione il quadro è completo. Nella pratica, dunque, cosa accade? Che in laboratorio Michel tosta i pistacchi, realizza la pasta di mandorla cos' come la massa di cacao, poi mixa e sperimenta. E proprio dall'unione di quest'ultima con crumble di mandorle, composta di fichie e miele al rosmarino nasce il gusto Peschiciano: una delle tante varianti artigianali, che a volte spaziano pure nel gastronomico (vedi lampascioni, mosto cotto di carruba e uvetta marinata) e non dimenticano la buona frutta locale (come nel sorbetto ai fichi con menta selvatica e bacche di vaniglia Tahiti). Non mancano cremolate e granite in più versioni"

Quando gli chiediamo le novità della nuova stagione, Michel Draicchio ci pensa e si trattiene: "Preferirei che le persone vengano a scoprirlo da sole, così da poter raccontare loro attraverso un percorso gustativo, gli aneddoti e le storie che riguardano questi nuovi gusti tutti del territorio ed espressione di prodotti IGP, DOP e comunque dello slow food pugliese"

Ma non possiamo accontentarlo. Il 2019 vedrà grandi novità, dal Tiramisù agli agrumi del Gargano”, con pan di spagna realizzato nel suo laboratorio, cacao, liquore al limonicino con limoni I.G.P varietà ‘Femminello’ e crema d'arancia ‘Bionda’ I.G.P (tipici della Montagna Sacra e per anni esportati in America dall’Oasi Agrumaria di Rodi Garganico), al gelato che si ispira alla “Farrata”, dolce tipico di Manfredonia e del Gargano realizzato in occasione del carnevale e delle feste pasquali. Draicchio lo realizza con ricotta di bufala, grano e farro, menta, maggiorana, pepe e cannella.

Per palati ancor più raffinati, le novità del 2019 continuano col gelato al “Biscotto di Ceglie”, presidio slow food pugliese. Si realizza con pasta di mandorla bio di San Giovanni Rotondo profumata con caffè e limone, rosolio di agrumi del Gargano  e composta di frutta.

Ma ci sono anche lo “Sporcamuss” (con crema aromatizzata alla vaniglia e limone, strati di pasta sfoglia e zucchero a velo) e la “Faldacchea” (che s’ispira ad un dolce tipico delle feste nuziali con pasta di mandorle profumata alla cannella di Ceylon e zest di limone, Savoiardi allo cherry e amarene intere).

A queste novità 2019 si aggiungano i grandi successi dello scorso anno, cioè  i gelati affumicati con legno di mandorlo ulivo e ciliegio  e la crema al tartufo scorzone nero locale. 

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento