Mare Monstrum, sagome a forma di mani che chiedono aiuto davanti al 'Giordano': è l'attacco d'arte di Sinuhe

Il titolo dell'opera è Mare Monstrum. "La mia non vuole essere una provocazione, né una denuncia", spiega l’artista. "Solo un invito a riflettere"

L'installazione

Una serie di sagome nere a forma di mani affiorano dal selciato. Si tratta di una installazione-performace che è apparsa oggi nel pomeriggio davanti al teatro Umberto Giordano a Foggia. Un intervento d’arte urbana ancora una volta firmato dall’artista Sinuhe da Foggia.

'Mare Monstrum- ad ogni naufrago un angolo di mare' il titolo dell’intervento: "La mia non vuole essere una provocazione, né una denuncia - dice l’artista - ma semplicemente un invito a riflettere. Tante le parole spese in questi tempi. Parole ora cariche di mieloso pietismo ora di feroce discriminazione. Parole quasi sempre spacciate ipocritamente. Pseudo-ideologiche. Divisive, di quà i buoni, di là i cattivi. Intanto mani chiedono aiuto. Si aggrappano ad una possibilità di salvezza. Non tutti ce la fanno. E non solo di naufraghi che vengono da lontano si tratta". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Shock a Milano, foggiana rifiutata da una "salviniana razzista" "Non ti affitto casa perché sei del Sud" (Audio)

  • Foggiana rifiutata, milanese "razzista e salviniana" ritratta: "Colpa della menopausa, disposta ad affittarle casa senza cauzione"

  • Folle fuga in A14: foggiano su un'auto rubata forza posto di blocco, sfonda casello e poi si schianta contro un muretto

  • Milanese nega affitto a ragazza foggiana: "Sono razzista e leghista". Salvini : "È una cretina"

  • Da "nonostante sia di Foggia" a 'Zoo pieno di terroni": aperto procedimento contro Feltri dopo l'esposto dei colleghi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento