L’Isola che c’è, oltre 100 famiglie vogliono “un’altra” Foggia

Il progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini, nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, a breve compirà il suo primo anno di vita. Tempo di bilanci

L’Isola che c’è, il progetto selezionato a Foggia dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, a breve compirà il suo primo anno di vita, sta raccogliendo i primi risultati dal punto di vista dell’impatto sul territorio, sui nuclei familiari coinvolti e sugli enti anche esterni al partenariato, che hanno abbracciato con entusiasmo la sua mission.

Il primo ostacolo, soprattutto quando si tratta di coinvolgere contesti e famiglie non “educate” alla partecipazione, è agganciarle, incuriosirle, convincerle dell’utilità di quanto offerto loro. Successivamente si cerca di fidelizzare il rapporto, di creare una relazione, costruire un contatto più empatico che le faccia sentire sostenute, consigliate, e proprio per questo in grado anche di essere responsabilizzate, educate alla complessità dell’essere genitore e dell’essere comunità. Le famiglie che “abitano” l’isola che c’è sono variegate, alcune già abituate a far partecipare i propri figli ad attività extra- scolastiche, con un manifesto piacere della condivisione, si informano, rimangono alle attività genitore- figlio, gioiscono di ogni momento. Altre (al di là del ceto di appartenenza, si connota come fenomeno trasversale) spesso confondono l’opportunità gratuita di un progetto come un’occasione per risparmiare, per partecipare in base agli umori, alle disponibilità. “E questa è una delle mille manifestazioni della povertà educativa che puntiamo a cancellare. Grazie al lavoro di squadra del coordinamento, del partenariato e degli enti abbiamo attivato diversi approcci educativi aventi il fine di responsabilizzare le famiglie e comprendere l’importanza di seguire un percorso, cogliere e conoscere i relativi diritti e doveri – dice Rita Amatore, coordinatrice dell’Isola  che c'è -. Il rispetto per gli altri utenti e per gli operatori che mettono in moto la macchina dell’isola che c’è è la base per poter contrastare certe condotte distorte di questi genitori e introiettate indirettamente anche dai bambini”.

L’isola che c’è, oltre al folto partenariato, punta a fare rete e a tal proposito può vantare la collaborazione con gli istituti San Giuseppe e l’I.C. Foscolo – Gabelli che hanno aperto le loro porte e hanno fatto entrare i suoi operatori nel mondo dell’infanzia di bambini di 3 e 5 anni e di quelli della comunità residenziale. Le Letture Piccine realizzate dalla biblioteca per ragazzi “La Magna Capitana”, il Play english realizzato dall’ass. L’Aquilone, i Laboratori manuali realizzati dall’ass. Arte Fa Re puntano a valorizzare le capacità innate dei piccoli e allo sviluppo di competenze relative alla percezione di sé stessi, degli altri e del mondo. Alla scuola Gabelli l’isola che c’è sta conoscendo i bimbi della primaria che seguono il “tempo pieno”. Piccoli ometti/signorine di 6 anni ricchi di entusiasmo, provenienti da quartieri storici di Foggia, ma privati di servizi per le famiglie e per l’infanzia, privi di un riconoscimento del loro status di bambini. E allora arriva L’isola che c’è con Genitori consapevoli (attiva anche c/o la San Giuseppe) realizzata dall’ass. Girasole, Vivere Sano con l’educazione alla corretta alimentazione (stop merendine o di panini sproporzionati per grandezza) con l’ass. Sani stili di vita e la Coop Alleanza 3.0 rivolti non solo ai bambini ma anche ai genitori della scuola, e Leggo dunque sono realizzata dalla Piccola compagnia impertinente attraverso cui immergersi nei libri e sviluppare il pensiero critico e la creatività. L’isola che c’è, inoltre, spinge sempre più anche alla partecipazione di papà e nonni. Loro sono una parte essenziale della “comunità educante”. 

Oltre 100 famiglie hanno animato e vissuto il centro Polivalente Parcocittà, il cuore del progetto con il suo bellissimo parco. Lo sportello informafamiglie, gli stand delle attività dell’isola, la lettura animata e in lingua inglese, i servizi di sostegno ai piccoli e alla famiglia, le attività ludico – creative ed espressive. Un ‘opportunità quella di questo progetto colta al massimo delle sue potenzialità, e che come coordinamento puntiamo a diffondere e radicare quanto più possibile nei cuori e nelle menti di famiglie, docenti, e operatori.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Troppi incidenti gravi e mortali, installati autovelox ma "balordi" ne incendiano uno: "Non è una pista di Formula uno"

  • Cronaca

    Colpo di scena sull'agguato al medico di via Vittime Civili, il 'pistolero' cambia versione: "Fu lui ad architettare tutto"

  • Economia

    Spesa pubblica, Foggia prima città del Sud nella classifica di 'Fondazione Etica': dietro Bari, maglia nera Lecce

  • Sport

    La boxe sorride ai Monti Dauni: il nuovo campione italiano dei Superleggeri è Arblin Kaba

I più letti della settimana

  • Incredibile in serie B, il Tar annulla la delibera del Consiglio direttivo. I playout si giocano, ma per il Foggia tutto dipende dal Palermo

  • Violenza inaudita a Foggia: in branco pretendono sesso di gruppo (due minorenni), trans si rifiuta e viene picchiato a sangue

  • Violenza inaudita a Stornara: aggredisce ragazza a morsi, le stacca parte del labbro e le procura gravi lesioni al volto

  • Tragedia nel Foggiano: va nel bosco per tagliare legna, si ferisce ad una coscia e muore dissanguato

  • Kalashnikov pronti all'uso e maschere di silicone: carabinieri sequestrano tutto e sventano un assalto armato

  • Terrore sul Gargano: camion precipita in una scarpata e prende fuoco

Torna su
FoggiaToday è in caricamento