Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Potito, "il piccolo eroe" foggiano che vuol vincere la guerra contro i cambiamenti climatici

La sua solitaria protesta ha finito per fare molto più rumore delle ben più affollate manifestazioni svoltesi in tante piazze italiane. Una iniziativa che ha spinto il presidente della Regione Michele Emiliano a insignire il giovanissimo studente del premio "Radice di Puglia"

 

Ha stupito tutti, non tanto per l'adesione alla protesta contro l'avvelenamento della terra, ma per il fatto di aver manifestato da solo per il Friday for future. Una solitudine che non lo ha scoraggiato affatto, anzi.

Potito ha soltanto 12 anni, ma le idee chiare di un ragazzo molto più grande. Ha sposato le idee di Greta Thunberg, compreso che bisogna fare qualcosa per la propria terra, la nostra madre, "che non possiamo avvelenare". 

La sua solitaria protesta ha finito per fare molto più rumore delle ben più affollate manifestazioni svoltesi in tante piazze italiane. Una iniziativa che ha spinto il presidente della Regione Michele Emiliano a insignire il giovanissimo studente del premio "Radice di Puglia". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento