Da Orsara di Puglia al bistellato ‘Da Caino‘: il grande salto dello chef Giuseppe Mescia

Dopo 5 mesi di lezione che lo ha visto impegnato in una full immersion di cucina, pasticceria, management aziendale e materie enogastronomiche, Giuseppe Mescia è stato ora selezionato per concludere la sua formazione in un tirocinio di 4 mesi nella brigata del prestigioso ristorante

Giuseppe Mescia

Da Orsara di Puglia, in provincia di Foggia, ad uno dei più prestigiosi ristoranti italiani, vale a dire il bistellato 'Da Caino' di Montemerano (GR), con la chef Valeria Piccini. È il balzo di Giuseppe Mescia, 27 anni, che arriva dopo aver frequentato il Master della Cucina Italiana 2018, il corso di Alta Formazione per futuri cuochi che si tiene annualmente a Creazzo, in provincia di Vicenza, organizzato da Esac Spa (realtà che fa riferimento a Confcommercio Vicenza).

Dopo cinque mesi di lezione che lo ha visto impegnato in una full immersion di cucina, pasticceria, management aziendale e materie enogastronomiche (oltre 50 i docenti, tra i quali 23 chef per un totale di 30 stelle Michelin), Giuseppe Mescia è stato ora selezionato per concludere la sua formazione in un tirocinio di quattro mesi nella brigata del prestigioso ristorante.

Un’esperienza che gli potrà aprire le porte dell’alta ristorazione, come accaduto per la maggior parte degli allievi di questa prestigiosa scuola, che ogni anno “sforna” un massimo di 20 cuochi, formati da alcuni dei punti di riferimento della cucina e della pasticceria italiana. Tra i docenti dell’edizione 2018, che si è conclusa lo scorso 15 giugno con la lectio magistralis del cuoco Fulvio Pierangelini, gli chef Massimiliano Alajmo, Norbert Niederkofler, Mauro Uliassi, Pino Cuttaia e Ciccio Sultano; i pasticceri Gianluca Fusto, Corrado Assenza, Emmanuele Forcone, Loretta Fanella; il manager Raffaele Alajmo, il maître dell’enoteca Pinchiorri Alessandro Tomberli e molti altri ancora.

“L’esperienza acquisita al Master della Cucina Italiana, tra aule, cucina e laboratori, si può riassumere in un percorso fitto di stimoli e di informazioni, di base e innovative – afferma Sergio Rebecca, presidente di Esac Spa e del Comitato Scientifico del Master nel quale siedono anche Massimiliano Alajmo, Raffaele Alajmo e il medico nutrizionista Mauro Defendente Febbrari -. Qui i futuri cuochi possono sperimentare stili diversi di cucina e pasticceria; sono impegnati in una costante ricerca degli ingredienti, imparando anche da chi di mestiere riesce a creare emozioni con un profumo, un vino, la scrittura, la danza. E’ un percorso per “aprire il pensiero”, come recita il nostro slogan fin dalla prima edizione del 2013”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Violenti scontri nel Foggiano: tafferugli tra baresi e leccesi sulla A16, incendiato un veicolo

  • Tentato omicidio davanti a un bar, estrae pistola e apre il fuoco per un debito di droga: fermato pregiudicato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento