Abbattuti 14 pini dove sorgerà un 'Giardino per Foggia": Morese: "Tutelata l'incolumità dei foggiani"

Fa discutere l'abbattimento di quattordici pini in una (ex) area verde su viale Michelangelo. L'assessore all'Ambiente: erano pericolanti. In quel luogo sorgerà il progetto della Siem spa

"L’abbattimento dei 14 pini nella piazzetta tra viale Ofanto e viale Michelangelo è stata una scelta obbligata, dettata dalla necessità di tutelare la sicurezza dei cittadini. Non c’è stato quindi alcun abbattimento selvaggio ed immotivato". Così Francesco Morese, assessore all'Ambiente del Comune di Foggia, interviene nella polemica esplosa all'indomani dell'abbattimento di una intera area verde in città.

La relazione è stata stilata dal fitopatologo Michele Fede (Agridea) ed ha rilevato “uno sviluppo non adeguato” delle piante ed “uno scarso ancoraggio al suolo dei 14 alberi, con rischio di inciampo per le persone nell’area sottostante per il notevole sollevamento della pavimentazione dovuto alle radici con funzioni statiche poco espanse ma molto sollecitate in occasione degli eventi meteorici”. Sulla base di questa valutazione di carattere tecnico, il fitopatologo ha prescritto “l’abbattimento il prima possibile dei 14 pini domestici”."

"Si tratta, dunque - sostiene Morese-, di un intervento necessario e finalizzato a preservare l’incolumità dei cittadini, fondato su motivazioni accertate sul piano scientifico, attraverso una relazione tecnica commissionata per approfondire un’attività di monitoraggio sulle piante già svolta in precedenza dall’amministrazione comunale".

La relazione stilata dalla Commissione esaminatrice per la sponsorizzazione delle aree verdi comunali, datata 11 dicembre 2017, aveva già rilevato, all’esito di una valutazione visiva, i rischi determinati alla sconnessione della pavimentazione provocata dai fusti inclinati con chiome asimmetriche e sbilanciate delle piante, con radici con funzioni statiche e di grosse dimensioni, consigliandone un parziale abbattimento. Valutandone l'abbattimento. Ma non per tutti, in verità. Almeno 5 quelli che potevano essere "recuperati".

Ma nel gennaio del 2018, com’è noto, la Giunta comunale ha accolto la proposta di riqualificazione dell’area presentata da un soggetto privato (Siem spa), con l’obiettivo di realizzare lì una sorta di "giardino", con pareti, panchine, pavimentazione, portali e altro verde pubblico, di diversa specie dal pino. Un modo per "sottrarre la zona, a costo zero per l’Amministrazione, al degrado in cui versa attualmente" continua Morese. E il Comune, "proprio per avere un quadro aggiornato e definitivo della situazione, ha richiesto un approfondimento con verifica di carattere strumentale (realizzata cioè attraverso specifica strumentazione, a partire dall’utilizzo del tomografo) affidandolo ad una società tra le migliori, all’avanguardia sul piano dei mezzi tecnici". Agridea, appunto. Circa tremila euro il costo. Foggia Più Verde di Ugo Fragassi, che per il Comune di Foggia si occupa del verde delle VTA non poteva: "ne facciamo 400 all'anno e le abbiamo programmato per il mese di settembre". Ma a settembre sarebbe stato troppo tardi, filtra, la Siem rischiava di rendersi non più disponibile. Fatto sta che dalla verifica statica, come detto, è emersa "l’urgente necessità dell’abbattimento di tutti i 14 pini e non solo del numero indicato dalla Commissione esaminatrice". Tutti. "Come da progetto" malignano in molti., che non prevede alcun pino in effetti. Immediato l'ordine di servizio per l'abbattimento (se ne è occupata Foggia più verde). L'intera area è stata velocemente rasa al suolo. 

Questa, insomma, la cronologia degli eventi. Ma l'area, continua l'assessore, "sarà finalmente bonificata senza essere privata di piante e di patrimonio verde". Se così è, dovranno cominciare a tremare tutti i pini posti lungo l'arteria stradale, che versano in condizioni similari. Se non peggiori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Prete coinvolto in foto e chat bollenti, il Vescovo avvia il procedimento canonico. E si preannunciano nuove rivelazioni...

  • Cronaca

    VIDEO | Violenta grandinata ostruisce i pluviali: si allaga l'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza

  • Politica

    Le province restano e si rinnovano: si vota il 31 ottobre. Capitanata al lavoro per il dopo Miglio: "Restano tutte le emergenze"

  • Cronaca

    Carabinieri in borghese per le vie del centro: "pizzicati" due pusher: hanno 16 e 17 anni

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla 693, coinvolti due camper e un suv: 3 morti

  • Terremoto in Molise: trema (di nuovo) Foggia, paura sul Gargano

  • Ultimo saluto a Liliana, Daniela e Domenico: il Comune di Torremaggiore proclama il lutto cittadino

  • Terremoto, forte scossa in Molise: trema anche la provincia di Foggia

  • Manfredonia, escherichia coli ed enterococchi in mare: scatta il divieto (temporaneo) di balneazione

  • Incidente mortale sulla 693: investito vigile urbano in servizio, è in prognosi riservata

Torna su
FoggiaToday è in caricamento