A Foggia il 21 gennaio è ancora Natale: luci e albero accesi, tanto paga Pantalone...

Dall'albero alla pista di pattinaggio, fino alle luci del centro. Il tempo sembra essersi fermato, malgrado manchino solo undici giorni a febbraio

L'antica tradizione cristiana vuole che il 2 febbraio, giorno della Candelora, segni la fine ufficiale del periodo natalizio. Candelora deriva da "Festum candelarum", ovvero la festa delle candele, giorno in cui la Chiesa celebra la Purificazione di Maria Vergine e la presentazione di Gesù al tempio, avvenuta 40 giorni dopo il 25 dicembre. 

A suggello di questa tradizione c'è lo smontaggio del presepe, evento che si verifica per lo più nelle chiese, a differenza della maggior parte delle case in cui pastorelli, pecore, falegnami, angeli, re magi e la Sacra Famiglia si congedano subito dopo l'Epifania. Infatti è consuetudine nella case foggiane e di tutta Italia, riporre tutto nei cartoni il 7 gennaio.  

Con il presepe, vanno via anche l'albero, le luci, gli addobbi a tema natalizio. Lo stesso avviene, nel giro di qualche giorno, nelle città. Ma c'è una eccezione. Già. Perché facendo un giro per Foggia, si respira ancora l'aria natalizia. Nel pronao della villa comunale, accanto alla ruota panoramica (prorogata fino al 14 febbraio, ndr) troneggia ancora l'albero di Natale acceso durante "Il volo dei desideri" ormai un mese e mezzo fa.

Idem per la pista di pattinaggio, che giace di fronte alla fontana del Sele. Stesso discorso per la maggior parte delle luminarie installate nelle vie principali della città. Ancora presenti e accese. Da Corso Roma a Corso Giannone, passando per Corso Vittorio Emanuele fino a Corso Garibaldi e al Teatro Giordano. Luci accese, ovvero consumi, ovvero spese. "A Foggia è ancora Natale, del resto paga Pantalone e con le casse comunali che stanno piene piene, perché dovremmo spegnere le luci e risparmiare?", ha commentato ironicamente la consigliera regionale Rosa Barone con un post su Facebook datato 17 gennaio. A quattro giorni di distanza la situazione è rimasta immutata. Ma non mancano i commenti ironici e le segnalazioni di molti cittadini.

Interpellato da FoggiaToday, il consigliere comunale con delega alla Pubblica Illuminazione Pasquale Rignanese ha dichiarato che la gestione delle luminarie natalizie sono di pertinenza della dott.ssa D'Orta. Nessun riscontro neppure dall'ufficio della funzionaria. In attesa che qualcuno spieghi, a Foggia continua a essere Natale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Tragedia in strada: mezzo compattatore in retromarcia investe e uccide un passante

  • Figlio va a trovare il padre (boss di Foggia), introduce droga e micro-cellulari nel carcere di massima sicurezza: arrestato

  • Incidente stradale a Foggia: violento scontro tra auto e trattore nei pressi della Statale 16

Torna su
FoggiaToday è in caricamento