Senza soldi, non sanno più come sfamare i loro cani: "Se li abbandonano Foggia sarà una giungla"

L'associazione Guerrieri con la Coda rilancia l'appello. Sempre più persone non riescono più a mantenere i loro animali perché non lavorano e non possono più permetterselo. Anche i volontari hanno dato fondo a scorte e risorse

È una processione davanti alla Casa di Angelo dell'associazione Guerrieri con la Coda di Foggia. Al civico 2 di corso Giannone si presentano padroni e volontari di strada che hanno finito i soldi e non sanno più come sfamare i loro animali. Stanno per gettare la spugna. Sono i danni collaterali del Coronavirus. "Se la gente decide di abbandonare cani e gatti per strada sarà una giungla. E noi non saremo neanche capaci di prendere quegli animali perché non sappiamo dove metterli - è l'sos della presidente Anna Rita Melfitani - Sarà una mattanza perché sono animali domestici, non sono randagi. Quanti finiranno sotto le macchine?".

L'associazione ha dato fondo alle donazioni e non ha più cibo da smistare. È subissata di telefonate. Il banco alimentare e la raccolta fondi "Aiutiamo gli angeli a 4 zampe" ha concesso solo una piccola boccata d'ossigeno. "Qui è venuto un ragazzo che ha venti cani, faceva il muratore e non sa più che fare. Gli ho chiesto di pazientare e che avrei cercato un modo per aiutarlo, ma come devo fare? In due giorni sono arrivate una ventina di persone, e io non ho più nulla - racconta Anna Rita Melfitani - . Noi vogliamo aiutarli con tutto il cuore. Abbiamo fatto la raccolta ma non è bastato. È venuto un vecchietto con il suo cagnolino che mi ha fatto stringere il cuore, non ce la fa più, gli ho dato qualche scatoletta". Guerrieri con la Coda rilancia l'appello e si affida alla generosità degli amanti dei pelosetti: si può donare cibo e portarlo direttamente alla Casa di Angelo e l'associazione provvederà a distribuirlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Seppur provate dal momento difficile per tutti, le associazioni animaliste della città hanno un motivo per esultare: non è stata presentata alcuna offerta nell'ambito della procedura telematica aperta per l'affidamento della gestione dei randagi e degli animali del canile municipale di Foggia e il ricovero in una struttura privata autorizzata. Non ci sarà alcuna deportazione, il bando svuotacanile è andato deserto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

  • Coronavirus: zero contagi e zero morti in provincia di Foggia

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

Torna su
FoggiaToday è in caricamento